Quantcast

“Sul Facsal scene da “guerriglia urbana”, il sindaco vieti i botti”

E' la denuncia del comitato degli "Amici del Facsal", che spiega come anche quest’anno stiano pervenendo "numerose segnalazioni circa lo scoppio di botti e petardi da parte di numerosissimi ragazzini, anche minorenni, che a tutte le ore imperversano in città"

Più informazioni su

“Il Facsal, nelle ore pomeridiane, si trasforma in una zona colpita da “guerriglia urbana” con gruppi formati da bande di ragazzi che fanno scoppiare petardi che sembrano bombe a mano, incuranti di mamme con bambini , anziani e persone con cani terrorizzati”.

E’ la denuncia del comitato degli “Amici del Facsal”, che spiega come anche quest’anno stiano pervenendo “numerose segnalazioni circa lo scoppio di botti e petardi da parte di numerosissimi ragazzini, anche minorenni, che a tutte le ore imperversano in città”.

“Sul quotidiano Libertà di oggi – scirve in una nota la presidente Anna Maria Rossetti – il Sindaco di Piacenza, non solo non vieta questo uso incivile che tantissime Città  hanno già vietato da anni, ma “raccomanda ai cittadini di festeggiare senza però esagerare con botti o petardi” “. C’era proprio bisogno di questo tipo di raccomandazione!”
 
“Inutile – prosegue – ripetere sempre le solite cose: ogni anno migliaia di persone rimangono ferite o mutilate e migliaia di animali muoiono di paura ed anche l’ambiente ne risente fortemente. Senza contare che tanti di questi botti non scoppiano subito e rimangono a terra per giorni mettendo in serio pericolo anche chi li raccoglie”.
 
“Auspichiamo a questo punto – conclude – che l’amministrazione comunale torni sui suoi passi formalizzando con un apposito provvedimento il divieto assoluto di utilizzo di questi mezzi incivili che la maggioranza dell’opinione pubblica ha già messo al bando”.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.