Tanti nuovi ristoranti nella Guida dei Grass 2017, la presentazione foto

Un vero atlante territoriale dell'enograstronomia per chi è alla ricerca del posto giusto per mangiare bene, pagare (anche abbondantemente) sotto i 50 euro per coperto, e godersi pure il panorama inimitabile delle nostre vallate o della Bassa

Ghiottoni di tutto il mondo (piacentino) unitevi. Arriva nelle librerie e nelle edicole di Piacenza e provincia la nuova imprescindibile guida dei Grass.

Un vero atlante territoriale dell’enograstronomia per chi è alla ricerca del posto giusto per mangiare bene, pagare (anche abbondantemente) sotto i 50 euro per coperto, e godersi pure il panorama inimitabile delle nostre vallate o della Bassa. 

Nella versione 2017 del simpatico volumetto edito da Officine Gutenberg a quadrettoni rossi e bianchi, come le migliori tovaglie di trattorie e osterie, troverete tante novità.

Le ha raccontate Edoardo Favari dei Grass, che con Paola Pinotti di PiacenzaSera.it e Paolo Menzani, l’editore di Officine Gutenberg, ha presentato la guida fresca di stampa a Eataly Piacenza. Durante la presentazione è intervenuto anche il presidente provinciale della Fipe Christian Lertora.

Quella 2017 è una guida più ricca (con trenta trattorie in più) e completamente rinnovata nelle recensioni con il giudizio insindacabile dei piccoli maialini o “grasselli” (al posto delle stelle). C’è inoltre una sezione dedicata alle cantine, una alle ricette piacentine e anche ai ristoranti più quotati, quelli oltre la soglia dei 50 euro.

Le prefazioni sono curate da Nereo Trabacchi e Chiara Ferrari, mentre tra le recensioni segnaliamo quella dedicata al “Milione” del capocronista di “Libertà” Giorgio Lambri.

La Guida dei Grass è stata data alle stampe in onore e in ricordo del confratello Sante Fava, scomparso prematuramente nei mesi scorsi. 

Non resta che correre a comprarla per prepararsi a un 2017 di lauti pranzi e cene senza delusioni.

La Confraternita dei GRASS è un’associazione senza scopo di lucro che dal 1999 si prodiga per la promozione della buona cucina in provincia di Piacenza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.