Quantcast

Welfare. Foti (Fdi-An) in Regione: “Verificare autocertificazioni stranieri”

"Regione e enti locali - afferma il consigliere piacentino - non hanno la possibilità di controllare se esistono o meno patrimoni esteri" non dichiarati per l'accesso alle prestazioni sociali

Più informazioni su

Sollecitare il governo centrale a portare avanti ogni iniziativa, anche legislativa, utile per verificare eventuali proprietà estere dei cittadini stranieri che chiedono l’accesso ai sussidi sociali.

È questo che Tommaso Foti, consigliere regionale piacentino di Fdi-An, chiede alla Giunta in un’interrogazione.

La richiesta di una presa di posizione regionale, spiega Foti nell’interrogazione, nasce dal fatto che gli enti locali, ma anche la Regione, non hanno la possibilità di attivare strumenti di controllo – anche a campione – per verificare le autodichiarazioni dei cittadini stranieri soprattutto per quanto riguarda i patrimoni all’estero.

Nell’atto ispettivo Foti ricorda che “per l’accesso alle prestazioni sociali il nuovo Isee supera qualsiasi differenza di trattamento tra italiani e stranieri e consente a tutti i privati, senza distinzione per nazionalità, l’autocertificazione mediante Dsu della propria condizione reddituale e patrimoniale, anche con riferimento a redditi e patrimoni esteri”.
 
“ll che consente, quindi, anche l’autocertificazione della assenza di redditi e patrimoni all’estero, che è poi quella che, quasi sempre, è oggetto di questione per l’accesso alle prestazioni sociali”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.