Ex Macello, nessun risarcimento: il Tribunale accoglie la sospensiva

Una buona notizia per le casse di Palazzo Mercanti: il Comune non dovrà liquidare con 2,6 milioni di euro le due ditte aggiudicatarie dell'appalto dell'ex Macello che avevano fatto causa

Più informazioni su

Una buona notizia per le casse di Palazzo Mercanti: il Comune non dovrà liquidare con 2,8 milioni di euro le due ditte aggiudicatarie dell’appalto dell’ex Macello che avevano fatto causa. 

La sentenza di sospensiva è arrivata dalla Corte d’Appello di Bologna, alla quale il Comune di Piacenza aveva presentato ricorso dopo la condanna dell’ottobre scorso pronunciata dal Tribunale civile di Piacenza. 

Una condanna “salata” per le casse comunali, visto che il Tribunale aveva indicato la strada del risarcimento alle ditte romane  Donati spa e Soved srl, con un indenizzo di 1,3 milioni ciascuno per i danni subiti dalla sottoproduzione patita nel corso dei lavori di realizzazione dell’ex Macello di via Scalabrini. 

La vicenda risale al 2005 e riguarda i lavori di recupero e risanamento dell’area dell’ex Macello, diventato sede dell’Urban Center e della facoltà di Architettura del Politecnico di Milano. Le due ditte in causa con Palazzo Mercanti si aggiudicarono l’appalto nel 2002 e nel 2003 ma nel 2005 notificarono al Comune il recesso dal contratto e i lavori furono terminati da una terza impresa. Da qui iniziò la guerra legale culminata con la condanna del Comune al risarcimento.

La sospensiva accordata in appello rimette in discussione quella sentenza, non ancora nel merito (previsto in marzo), ma negli effetti: l’amministrazione non sarà costretta a iscrivere nel bilancio 2017 la cospicua spesa di risarcimento alle ditte. 

COMUNICATO STAMPA DEL COMUNE DI PIACENZA – CORTE D’APPELLO DI BOLOGNA – CAUSA EX MACELLO

La Corte d’Appello di Bologna ha sospeso la sentenza di primo grado pronunciata dal Tribunale di Piacenza nella causa civile intentata dalle due imprese romane che lavorarono negli anni 2002-2005 al restauro dell’Ex Macello di via Scalabrini, oggi sede universitaria.

La Corte ha accolto totalmente le istanze del Comune in ordine alle dimostrate circostanze che le ditte avevano eseguito i lavori l’una per il 90% e l’altra per il 50%, regolarmente pagati dal l’Ente, per tre anni, senza mai nulla rilevare né sul progetto, né sul contratto, per poi recedere inspiegabilmente.

I lavori furono poi conclusi, a seguito di nuovo appalto dalla ditta Spallina, dopo che il Comune fu costretto a riprendersi i cantieri con un’ordinanza di sgombero, perché i rappresentanti delle imprese Soved e Donati vi si asserragliarono dentro.

Inoltre, i Giudici di Bologna hanno rilevato che dalla documentazione del Bilancio Comunale emerge che il dare esecuzione alla sentenza di primo grado, versando alle due imprese una cifra così rilevante, pari a 2,8 milioni di euro, oltre gli interessi e le spese legali di 100mila euro ai difensori delle controparti, avrebbe messo in difficoltà le funzioni pubbliche essenziali del Comune, con il rischio per l’Ente, di non poter un domani recuperare somme non dovute da un fallimento (SOVED) e da una impresa (DONATI), che può entrare in crisi.

L’udienza della causa di merito si svolgerà sempre a Bologna il 14 marzo.

Il provvedimento è stato accolto con grande soddisfazione da parte del Comune, difeso dal dirigente dell’Avvocatura Comunale, avvocato Elena Vezzulli sia per la rilevanza economica e la delicatezza della causa, che per il calibro degli avversari in giudizio, un pool di legali rimani, tra i quali un docente di Diritto del Contratti Pubblici, il prof. Michele Di Cilla, sia per la rarità di pronunce di accoglimento di istanze cautelari da parte della Corte d’Appello di Bologna.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.