“La buzia”, prosegue al President la rassegna dialettale

Sabato 4 febbraio alle ore 21 presso il Teatro President di Piacenza, nell’ambito della Rassegna dialettale, la Compagnia Teatrale “Egidio Carella” presenta “La buzia”, commedia in tre atti di Maria Gabriella Bonazzi tradotta in dialetto piacentino da Delio Marenghi

Più informazioni su

Sabato 4 febbraio alle ore 21 presso il Teatro President di Piacenza, nell’ambito della Rassegna dialettale, la Compagnia Teatrale “Egidio Carella” presenta “La buzia”, commedia in tre atti di Maria Gabriella Bonazzi tradotta in dialetto piacentino da Delio Marenghi.

La Rassegna dialettale è dedicata al prof. Luigi Paraboschi e realizzata con la collaborazione della Fondazione di Piacenza e Vigevano.

LA COMMEDIA – La trama ruota attorno ad una grande bugia e per realizzarla occorre una bella fantasia. A volte è la disperazione a far nascere una certa situazione e la bugia è come un sasso buttato nel fosso: crea un cerchio sempre più grosso. Ma la verità torna sempre a galla, e vola per aria come una farfalla.

Personaggi ed interpreti: don Diego, sacerdote: Delio Marenghi; Carlotta, la perpetua: Luisa Pierucci; don Gino, curato: Ettore Celli; Anna, giovane donna: Roberta Zanon; Sindaco: Pierluigi Camozzi Milli, madre di Anna: Alessandra Zermani; Piron, il matto del posto: Giancarlo Boledi; Paolo, ragazzo: Fabrizio Pasella; Gianna, campagnola: Maura Galilei; Pia, altra perpetua: Danila Garbi; Fulvia, vedova: Annamaria Meles (Perini Mirella).

Suggeritore Umberto Arruffati, Regia e allestimento Delio Marenghi. Posto unico € 10 – Soci Famiglia Piasinteina € 8 – Under 15 gratuito

Prevendita : BAR ANSPI da lunedì a  domenica dalle 15,30 alle 19,30. Il giorno dello spettacolo dalle ore 20,00 presso Teatro President. Info: tel.3282184586 – famigliapiasinteina1953@gmail.com
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.