Quantcast

Recupero animali coinvolti in incidenti stradali, la Regione: “Presto nuovi criteri”

Sulle difficoltà riscontrate in provincia di Piacenza nel recupero e nella cura di animali selvatici, nello specifico ungulati, coinvolti in incidenti stradali è intervenuto con un question time Gian Luigi Molinari (Partito Democratico)

Più informazioni su

Sulle difficoltà riscontrate in provincia di Piacenza nel recupero e nella cura di animali selvatici, nello specifico ungulati, coinvolti in incidenti stradali è intervenuto con un question time il consigliere piacentino Gian Luigi Molinari (Partito Democratico), che ha chiesto alla Giunta regionale “con quali risorse, modalità e tempi intenda garantire il funzionamento dei Centri di raccolta animali selvatici (Cras) a gestione volontaria presenti nel territorio piacentino e nelle altre province”.

La Regione, infatti – ricorda il consigliere – a seguito della riforma del sistema istituzionale regionale ha disposto, stanziando la somma di 200mila euro, di concedere in convenzione, tramite procedure a evidenza pubblica, il servizio di recupero e trasporto di animali selvatici morti e di primo soccorso della fauna selvatica ferita o in difficoltà affidato ai Cras.

“Rivolgo, pertanto, ha concluso Molinari- un invito alla Regione a garantire al più presto ai Cras le risorse necessarie”. 

L’assessore all’Agricoltura, caccia e pesca, Simona Caselli, ha risposto che nel 2016 si sono concluse le convenzioni in essere fra le Province e i Cras, ove esistenti, e la Regione, al fine di uniformarne l’attività, ha sottoscritto nuove convenzioni con i 14 soggetti resisi disponibili, 9 Cras e 5 organizzazioni di volontariato, che entro la fine di gennaio presenteranno la rendicontazione prevista.

Per il 2017 – ha aggiunto l’assessore – sono stati stanziati 300mila euro e la Regione intende stipulare una convenzione per ciascun territorio provinciale favorendo l’aggregazione dei soggetti che vi operano attraverso l’associazione temporanea di scopo.

Al fine di superare alcune difficoltà gestionali riscontrate nel 2016 nell’attività dei Cras – ha concluso l’assessore Caselli – la Regione sta lavorando a nuovi criteri per l’erogazione dei fondi, la rendicontazione delle spese e la durata delle convenzioni, che consentiranno di attivare le nuove procedure antro la fine del mese di febbraio. Il consigliere Molinari, dichiarandosi soddisfatto della risposta, in particolare in relazione alla tempistica indicata, ha invitato la Giunta a tenere in debita considerazione le necessità economiche dei Cras. (Luca Govoni)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.