Quantcast

Servizio Civile, 4 posti all’Archivio di Stato. Domande entro il 10 febbraio

Saranno impegnati in un progetto di valorizzazione incentrato sull'incremento dell’offerta archivistica e bibliografica, con particolare attenzione ai materiali relativi alla Prima Guerra Mondiale di cui ricorre il Centenario

Più informazioni su

Pubblicato il bando di selezione per complessivi 1.050 volontari di cui mille da impiegare in progetti di servizio civile nazionale in Italia presso il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

Le sedi individuate sono 320 (per 116 progetti) su tutto il territorio nazionale e comprendono Archivi, Biblioteche, Musei. La data di scadenza della presentazione della domanda è il 10 febbraio 2017 alle ore 14; alla domanda deve essere allegato un curriculum vitae in formato europeo.

Il bando e la relativa documentazione si trovano alla pagina  del Servizio Civile Nazionale http://www.serviziocivile.gov.it/menusx/bandi/selezione-volontari/bandovolautofinanziati_27122016/ oppure a quella del MiBACT http://www.beniculturali.it/mibac/opencms/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Appalti/visualizza_asset.html?id=169372&pagename=230.

Tra le sedi del MiBACT accreditate nell’Albo Nazionale del Servizio Civile Nazionale per il progetto “CulturaGiovani Emilia-Romagna Archivi” relativo a sei Archivi di Stato dell’Emilia-Romagna c’è l’Archivio di Stato di Piacenza con un progetto, per quattro volontari, di valorizzazione incentrato sull’incremento dell’offerta archivistica e bibliografica, con particolare attenzione ai materiali relativi alla Prima Guerra Mondiale di cui ricorre il Centenario.

Una bella esperienza per giovani interessati alle sorti del patrimonio culturale locale, alla sua tutela, alla sua conoscenza e alla fruizione da parte di un numero sempre maggiore di persone.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.