Zanardi (Fi) “Marciapiedi disastrati in città. Creano pericoli e disagi”

Intervento di Gloria Zanardi, esponente di Forza Italia Piacenza, in merito alle condizioni dei marciapiedi in città. 

Intervento di Gloria Zanardi, esponente di Forza Italia Piacenza, in merito alle condizioni dei marciapiedi in città. 

Ricevo segnalazioni da parte dei cittadini con riferimento alla situazione disastrata dei marciapiedi della nostra città, comportante disagi e pericoli. E’ noto che, in molti viali, ove sono state collocati alberi sui marciapiedi, questi creino problemi a causa delle radici che rendono instabile tutta la struttura adiacente. 

Premetto, onde evitare fraintendimenti, che ritengo che il verde urbano sia fondamentale ed imprescindibile per il decoro e per la salubrità dell’ambiente cittadino, ma ritengo anche che le scelte in merito debbano essere fatte con criterio e, soprattutto, che ci si preoccupi per una cura costante della rete pedonale. Innanzitutto per la sicurezza di coloro che la percorrono. 

Frequentemente i cittadini incorrono in incidenti a causa del manto stradale sconnesso e delle buche presenti; le cadute provocano lesioni e spesso si instaurano contenziosi per la giusta richiesta di risarcimento del danno, che comportano un esborso per il Comune che, tra l’altro, è a carico di tutti i piacentini. 

In secondo luogo, come si è verificato in località Montale, gli alberi sui marciapiedi creano danni materiali alle abitazioni limitrofe, perché le radici giungono sino agli edifici, rompono i tubi e oltrepassano i muri. Anche in questo caso, le legittime richieste di risarcimento non mancano e per coloro che subiscono i danni i tempi di attesa sono lunghissimi e, nel frattempo, gli interessati devono anticipare le spese per ripristinare la situazione. 

Inoltre, la maggior parte dei marciapiedi in città sono limitativi per il passaggio dei disabili in carrozzina e costituiscono una barriera insuperabile, così come per le mamme con il passeggino. 

Il verde è fondamentale e la richiesta, chiaramente, non è quella di eliminarlo, anzi ritengo che la vegetazione in città migliori la salubrità dell’aria e dell’estetica urbana complessiva. Tuttavia ritengo che occorra, innanzitutto, un ripensamento per il futuro circa le modalità di piantumazione dei marciapiedi e, in secondo luogo, cercare, oggi, di provvedere a un’adeguata manutenzione dei percorsi pedonali. 

Infatti, il problema non sono solo le radici della piante ma, in generale, buche e avvalli derivanti da una scarsa cura e custodia. 

Comprendo che vi siano assicurazioni che provvedano, nel caso, e che rassicurino l’amministrazione, ma non è così per i cittadini che non dovrebbero passeggiare con lo sguardo sempre rivolto a terra per evitare di cadere ad ogni angolo. 

Posto che la situazione dei marciapiedi non dipende in toto dall’attuale amministrazione ma anche da scelte del passato, ritengo però che ora si debba provvedere ad eliminare il più possibile ogni fattore di rischio, investendo adeguate risorse per la manutenzione costante, onde evitare di spenderle solo successivamente, a danno fatto, per indennizzare i cittadini che, comunque, non ristorano completamente i reali disagi. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.