Alloggi Acer, in arrivo accertatori e sanzioni contro i “furbetti”

Approvato dalla giunta comunale di Piacenza il nuovo regolamento d'uso degli alloggi di edilizia residenziale pubblica (Erp) che prevede l'introduzione per la prima volta della figura dell'agente "accertatore" e di una serie di sanzioni per chi viola le regole di convivenza.

Più informazioni su

Approvato dalla giunta comunale di Piacenza il nuovo regolamento d’uso degli alloggi di edilizia residenziale pubblica (Erp) che prevede l’introduzione per la prima volta della figura dell’agente “accertatore” e di una serie di sanzioni per chi viola le regole di convivenza.

Al regolamento dovranno attenersi tutti gli inquilini dei circa 2200 alloggi Acer di Piacenza. 

L’assessore al welfare Stefano Cugini spiega che con le nuove norme si mette in pratica la “lotta ai furbetti” nelle case popolari, strategia annunciata nei giorni scorsi. 

“Sono due le novità contenute – precisa – nel regolamento: la prima è l’istituzione della figura dell’agente accertatore che prima non esisteva. Il suo ruolo sarà legato ad un’attività ispettiva, ai controlli e alla definizione della gravità delle eventuali trasgressioni alle regole”.

Una funzione sarà demandata con ogni probabilità agli agenti di Polizia Municipale”.

La seconda novità è la definizione di una graduatoria di violazioni, secondo cinque livelli di gravità, e delle relative sanzioni di natura pecuniaria. Le violazioni potranno riguardare l’alloggio, il comportamento degli assegnatari e anche gli spazi comuni.

“In caso di violazione gravissima – fa notare Cugini – scatterà automaticamente la rescissione del contratto di locazione”.    

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.