Aree militari, Polledri (LN): “Di intese sono lastricate le elezioni”

"Un protocollo che, con molta probabilità, farà la fine di quello siglato nel 2008 (accordo La Forgia), seguito da anni persi con una commissione comunale che non partorì nemmeno un topolino. L’area “Lusignani”, infatti, non ha una cubatura sufficiente per la realizzazione del nuovo Ospedale"

Riceviamo e pubblichiamo la nota di Massimo Polledri, capogruppo Lega Nord al consiglio comunale di Piacenza, in merito all’accordo che viene siglato di lunedì 27 febbraio sulla realizzazione del nuovo Ospedale a Piacenza.

La nota – Polledri (Lega Nord): “Di intese sulle aree militari sono lastricate le elezioni”
 
“Lunedì 27 febbario, a pochi mesi dalle prossime elezioni comunali, viene siglato a Piacenza il protocollo d’intesa di razionalizzazione dei beni della Difesa che renderà disponibile alla Regione Emilia Romagna l’area della caserma “Lusignani” a S. Antonio, per la realizzazione del nuovo Ospedale.

Un protocollo che, con molta probabilità, farà la fine di quello siglato nel 2008 (accordo La Forgia), seguito da anni persi con una commissione comunale che non partorì nemmeno un topolino. L’area “Lusignani”, infatti, non ha una cubatura sufficiente per la realizzazione del nuovo Ospedale.

In ogni caso, sarebbe opportuno capire, prima di tutto, cosa farne di quelli già esistenti. Ci ricordiamo che nel febbraio scorso è stato promesso di rinnovare il padiglione dell’ospedale di Fiorenzuola: è stata messa la prima pietra ma attendiamo ancora la bonifica dell’area.

E l’ospedale di Villanuova? E quello di Castel San Giovanni? Quale futuro per loro? Ora, ecco pronto un altro progetto da manifesto elettorale che non vedrà mai luce. Ce ne ricorderemo, purtroppo, tra qualche anno”. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.