PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Dopo 1000 giorni di viaggio, Pelizzeni torna a Piacenza “Italia paese più bello” VD foto

C'era una piccola folla ad accogliere il rientro a Piacenza, alla stazione, Claudio Pelizzeni, dopo il suo giro del mondo in mille giorni senza aerei. 44 Stati attraversati (e vissuti) lungo il viaggio iniziato il 4 maggio del 2014

Più informazioni su

C’era una piccola folla ad accogliere il rientro a Piacenza, alla stazione di Piazzale Marconi, Claudio Pelizzeni, giunto al termine del suo giro del mondo in mille giorni.

La mamma, la zia, i parenti e naturalmente tanti amici provvisti di striscione di benvenuto (nelle foto) che lo hanno abbracciato al coro “La gente come noi non molla mai”.

Una coppia addirittura è arrivata da Caorle per conoscerlo di persona dopo averlo seguito passo dopo passo nel lungo viaggio sul blog

Al suo arrivo al binario 4 sul treno proveniente da Milano (nei VIDEO sotto) il lungo e commosso abbraccio con la madre.

44 Stati attraversati (e vissuti) da Claudio durante il viaggio, effettuato senza mai salire su un aereo, iniziato il 4 maggio del 2014 – dal traguardo in Piazza Cavalli della Piacenza Marathon – e ora giunto al termine.

“L’emozione più grande di questo giro del mondo è stata quella di ritornare qua, ed il motivo per cui torno volentieri in questa città è per i miei amici e la mia famiglia.

Tutto quello che ho lasciato e la lontananza da casa è stato il prezzo più grande di questo viaggio. Ho avuto paura, ma la paura va affrontata e io l’ho superata”. Sono le prime parole di Pelizzeni ai cronisti, appena sceso dal treno che lo ha riportato a Piacenza.

“L’Italia è il paese più bello del mondo – ha raccontato -. Adesso mi fermerò un po’ a casa per ripensare a questa esperienza e per promuovere il mio romanzo. 

Il posto più strano di mi sono messo a scrivere è stato su un treno merci della Mauritania, nello stesso scompartimento con altre 200 persone”. 

I VIDEO DELL’INTERVISTA e dell’ARRIVO


IL VIAGGIO, IL BLOG E UN LIBRO

Un viaggio, quello di Claudio, raccontato sul suo blog triptherapy.net e affrontato dovendo fare i conti quotidianamente con il diabete di tipo 1, nonché con tutte le difficoltà che comporta un’avventura del genere: a partire dal licenziamento dalla banca in cui lavorava passando per la volontà di girare il mondo senza usare aerei ma solamente con mezzi di trasporto comuni o non convenzionali, come le navi cargo con cui è andato in 12 giorni dall’Asia (Hong Kong) all’Australia (Brisbane), ha attraversato l’Oceano Pacifico da Adelaide a Vancouver in 26 giorni e infine l’Oceano Atlantico da Rio De Janeiro a Dakar.

In questi mille giorni – dal Tibet alla Terra dei Fuochi, dalla foresta amazzonica al deserto del Sahara – Claudio è stato uno dei pochi ad essere riuscito ad attraversare a piedi la frontiera che porta dall’India alla Birmania e in questo periodo ha deciso anche di scrivere un libro per raccontare la sua avventura: “L’orizzonte ogni giorno un po’ più in là”.

E’ un libro auto pubblicato, 410 pagine in cui Claudio racconta e si racconta. Sarà possibile acquistare sia la versione cartacea sia quella eBook su Amazon (o tramite il link dal suo blog triptherapy.net) a partire dal 13 febbraio.

IL VIDEO DELL’ABBRACCIO CON GLI AMICI

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.