Quantcast

Le Rubriche di PiacenzaSera - Economix

Economix: (In)Giustizia sociale tra generazioni: Italia fra le ultime in Europa

Il rapporto sull’indice di giustizia sociale 2016 della fondazione tedesca Bertlesmann colloca l’Italia al 24mo posto sui 28 paesi dell’Unione Europea

Più informazioni su

(In)Giustizia sociale tra generazioni: Italia penultima nell’Unione europea
 
L’Italia è il paese europeo più vecchio dal punto di vista demografico. L’età media ha superato quota 45 anni, mentre gli over65 rappresentano circa il 22% della popolazione italiana, con un trend in aumento. Gli under15 sono in calo (circa 13% della popolazione totale).

Il rapporto sull’indice di giustizia sociale 2016 della fondazione tedesca Bertlesmann colloca l’Italia al 24mo posto sui 28 paesi dell’Unione Europea.

L’indice si basa su sei indicatori: giustizia intergenerazionale, prevenzione della povertà, diritto allo studio, accesso al mercato del lavoro, coesione sociale, sanità.

“Con il rapporto di dipendenza degli anziani più alto della Ue – si legge nel rapporto – l’Italia avrebbe urgente bisogno di un mercato del lavoro efficiente con alto tasso di occupazione. Invece il basso punteggio (4,83) sull’accesso al mercato del lavoro è emblematico della scarsa performance di tutti gli indicatori che lo compongono”. Danimarca, Svezia e Regno Unito, con punteggi superiori al 7, sono i paesi che hanno i risultati migliori su questo aspetto.

“Senza una rapida attivazione del mercato del lavoro – scrivono i ricercatori della fondazione tedesca – molti giovani italiani sono a rischio di essere tagliati fuori dalla possibilità di avere un’occupazione stabile e l’Italia dovrà farsi carico di ricadute sociali a lungo termine”.

Siamo un paese di gerontocrati, che non investe sui giovani e sull’innovazione, con uno dei rapporti debito pubblico/PIL più alti d’Europa (132,6%) che sommato ad una disoccupazione giovanile che registra un tasso attorno al 38% (la media europea è del 22%) e una “alta” propensione allo spreco, ne fanno un paese dal futuro incerto. Gli investimenti in ricerca e sviluppo sono rimasti troppo bassi (1,3% del Pil).

Leggi l’articolo pubblicato su PiacenzaSera “L’Italia dei gerontocrati e degli incompetenti” del 27/12/2011

Il paese “più giusto” da punto di vista sociale è la Svezia con tutti gli indicatori compresi tra 7 e 8, seguita da Finlandia, Danimarca e Repubblica Ceca. Peggio dell’Italia si piazzano la Spagna, la Bulgaria, la Romania e la Grecia. Dal 2008 a oggi, alcuni paesi europei hanno compiuto passi da gigante in termini di sviluppo economico e sociale, in particolare la Polonia e la Repubblica Ceca.

Ciò che è accaduto in Polonia nell’ultimo decennio è esattamente il contrario di quanto accaduto in Italia. Con una crescita media annua del 3,8%, un rapporto debito pubblico/PIL al 52,5% (tra i più bassi d’Europa), un deficit ampiamente sotto controllo al 2,8% del Pil e un tasso di disoccupazione al 7%, si può senz’altro dire che, populismi a parte, la buona politica da qualche parte esiste.

Andrea Lodi
(economix@piacenzasera.it)

 
Link per scaricare il grafico completo del rapporto della fondazione Bertlesmann: https://public.tableau.com/shared/SS4D3MTK7?:display_count=yes&:showVizHome=no
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.