Ziano, investe un cinghiale ed esce di strada. Muore 75enne alla guida foto

L'automobilista è rimasto incastrato nell'abitacolo e i vigili del fuoco hanno lavorato circa un'ora per riuscire a liberarlo dalle lamiere: trasportato all'ospedale di Parma, è morto a seguito dei gravi traumi riportati

Ancora un tragico incidente sulle strade piacentine.

Un uomo di 75 anni, Sergio Droghi, ha perso la vita dopo essere finito fuori strada con la propria vettura che ha terminato la corsa contro un muretto. 

E’ avvenuto intorno alle 7 di martedì 28 febbraio lungo la strada della Moretta, nel comune di Ziano (Piacenza), tra Montalbo e Vicomarino.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, l’anziano, residente a Ziano, ha perso il controllo della sua Fiat Sedici a causa di un cinghiale, che ha attraversato improvvisamente la strada (nella foto).

L’automobilista è rimasto incastrato nell’abitacolo e i vigili del fuoco di Castel San Giovanni hanno lavorato circa un’ora per riuscire a liberarlo dalle lamiere. Sul posto anche i carabinieri e il 118.

Trasportato in eliambulanza al Maggiore di Parma le sue condizioni sono subito apparse molto gravi: è morto in ospedale a causa dei traumi riportati.

E’ la seconda vittima sulle strade piacentine nel giro di poche ore: lunedì pomeriggio in località Valle di Gropparello una donna di 76 anni aveva perso la vita dopo essere stata travolta da una vettura uscita di strada.

CONFAGRICOLTURA: “CINGHIALI, IL PROBLEMA NON E’ PIU’ SOLO AGRICOLO” – “Torniamo agli appelli lanciati anche a novembre in occasione del convegno che abbiamo dedicato a questo dilagante problema – sottolinea Enrico Chiesa, presidente di Confagricoltura Piacenza -. Più volte Confagricoltura ha denunciato che l’insufficiente gestione della fauna selvatica sta generando gravi danni, non solo agli agricoltori, ma anche alla sicurezza della cittadinanza”.

“Gli incidenti stradali, che si stanno verificando sempre più frequentemente, anche nelle zone periurbane, non fanno che evidenziare la scarsa efficacia dei piani di contenimento della fauna selvatica che ormai sempre più frequentemente si spinge anche nelle zone abitate”. 

“I danni alle colture vengono risarciti in parte e non annoverano l’ammanco economico che la mancata produzione perpetra lungo la filiera, ma c’è, soprattutto, un problema di sicurezza per l’incolumità delle persone, anche dei privati cittadini che, ignari dell’esponenziale aumento del pericolo, rischiano continuamente anche durante il più tranquillo dei loro tragitti”.

“Ormai anche in pianura gruppi di ungulati si muovono nei campi, tutelati e liberi di fare quello che vogliono. Manca la protezione per gli uomini. Chi produce lavorando nei campi – ricorda Chiesa – chi impiega manodopera dovrebbe, non potendosi difendere, chiedere l’intervento di una scorta ogni volta che esce a perlustrare le colture”.

E’ una situazione paradossale – sottolinea la nota di Confagricoltura Piacenza – che richiede il ripristino di un giusto equilibrio tra uomo e natura. I cinghiali che stanno proliferando oltremodo – sottolinea Confagricoltura – sono ibridi immessi per assecondare l’aspetto ludico della caccia in spregio dell’etologia e dell’ambiente. In generale il tema della fauna selvatica viene gestito in contrapposizione con quello della difesa delle colture, mentre gli imprenditori agricoli da centinaia d’anni permettono alla selvaggina di crescere e nutrirsi nei loro campi e da tempo si sentono presi in giro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.