Quantcast

De Micheli al Lingotto: “Nuovo patto nel Pd più forte delle divisioni” 

Il sottosegretario all'Economia Paola De Micheli ha partecipato all'iniziativa politica del Lingotto di Torino a sostegno della candidatura di Matteo Renzi

Più informazioni su

Il sottosegretario all’Economia Paola De Micheli ha partecipato all’iniziativa politica del Lingotto di Torino, a sostegno della candidatura di Matteo Renzi alla guida del Partito Democratico nelle primarie nazionali del 30 aprile prossimo.

Paola De Micheli ha aderito alla proposta politica del Ministro Maurizio Martina, che – nel caso di vittoria alle primarie – sarà il vice di Renzi. 

Il sottosegretario di Piacenza dal palco di Torino, che ha visto avvicendarsi diversi esponenti dem, ma anche personaggi della società civile, dell’imprenditoria, del sindacato, ha parlato della necessità di un nuovo riformismo nel Pd. 

Ecco le sue parole postate su Facebook:

Nel mio intervento di stamani al Lingotto ’17 ho parlato del futuro del #Pd e della sfida che investe tutta la sinistra europea. E’ un congresso che deve portare a una svolta, verso un nuovo #riformismo che sia rassicurante e condiviso.

Rassicurante contro le paure alimentate dalle destre e dai populismi, e condiviso, ovvero capace di migliorare la vita delle persone. Un riformismo che corrisponda alle richieste della società, più merito e più protezione, a partire dal tema del lavoro.

Al nostro partito serve un nuovo patto di comunità anche perché non siamo stati capaci di lasciarci alle spalle le nostre appartenenze del passato.

Le nostre riforme non devono più apparire calate dall’alto. Abbiamo bisogno di una discussione condivisa ma anche di capacità di prendere una decisione nei tempi imposti dal Paese e dalle sue esigenze: questo congresso ci porti a mostrare che il nostro riformismo è più forte del tempo perso a dividerci in passato.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.