“Il piano di riordino ci porta nel futuro della sanità” VIDEO foto

Conferenza stampa indetta nella sala riunioni della direzione generale dell'Ausl di Piacenza alla presenza dei primari, dei direttori di distretto e anche dei medici di famiglia

Più informazioni su

“Vogliamo che i piacentini conoscano le motivazioni che hanno guidato le nostre scelte e la stesura del nostro piano. Siamo medici: il nostro obiettivo è far crescere e specializzare la nostra sanità”.

Questo l’obiettivo della conferenza stampa indetta nella sala riunioni della direzione generale dell’Ausl di Piacenza alla presenza dei primari, dei direttori di distretto e anche dei medici di famiglia.

‘La nostra è una visione al passo con i tempi, che consentirà a Piacenza di restare al passo con altri territori in ambito sanitario’. È la presa di posizione di Ausl, con il supporto dei medici di Piacenza, in merito al piano di riorganizzazione ospedaliera

Un appello questo che arriva prima della conferenza socio sanitaria provinciale, chiamata ad esprimersi venerdì prossimo sul progetto. 

Piano che, ricorda il direttore sanitario Guido Pedrazzini, è frutto di “un confronto interno all’azienda e anche con i professionisti del settore”. 

A sostegno del progetto intervengono anche Augusto Pagani, presidente ordine dei medici di Piacenza, i direttori di dipartimento Giovanni Quinto Villani, Fabio Fornari, Luigi Cavanna, Patrizio Capelli, Anna Maria Andena e Anna Buonaditta, in rappresentanza dei medici di famiglia. 

‘Il piano di riorganizzazione mette al centro il benessere del paziente. Non possiamo restare indietro. Questo è il momento in cui viene chiesto di fare un salto. Facciamolo’ conclude Pedrazzini, 

Erano presenti Guido Pedrazzini, direttore sanitario; Augusto Pagani, presidente Ordine dei Medici; Patrizio Capelli, direttore dipartimento Chirurgia; Luigi Cavanna, direttore dipartimento Oncoematologia; Fabio Fornari, direttore dipartimento Medicine; Giovanni Quinto Villani, direttore dipartimento Emergenza urgenza.

Presenti anche i medici di famiglia Michele Argenti, Mauro Bonomini, Pasquale Romano e Daniela Serena – i direttori di dipartimento Giacomo Biasucci, Ermanno Bongiorni, Giuliano Limonta, Emanuele Michieletti, Massimo Nolli e Agostino Rossi – il direttore assistenziale Mirella Gubbelini – i direttori di distretto Manuela Buono, Rossana Ferrante e Piera Reboli – i primari Roberto Antenucci, Romeo Bocchi, Carlo Cagnoni, Andrea Magnacavallo, Pietro Maniscalco, Sergio Orlando e Tommaso Nicolotti – la responsabile dell’Oncologia territoriale Patrizia Mordenti.

I COMITATI IN PIAZZA – Questa mattina una piccola delegazione del Coordinamento Comitati sorti in difesa della sanità piacentina ha presenziato in piazza Cavalli a Piacenza ed ha rilanciato la richiesta ai sindaci di non approvare il piano Ausl di riordino della rete ospedaliera, oggetto di tante discussioni negli ultimi mesi. 

“Questo è decisamente l’ultimo appello che facciamo ai sindaci – sottolinea Bruno Galvani del Coordinamento – prima del voto di venerdi pomeriggio in Ctss. Lo sforzo fatto dai comitati presieduti da Elisabetta Bolzoni, Angelo Boledi e Valter Bulla credo sia stato enorme: circa 40.000 firme raccolte, decine di interviste, incontri e manifestazioni pubbliche: comunque la si pensi, un impegno ammirevole e senza secondi fini. La cosa più bella è che questo apprezzamento ci è stato fatto da diversi cittadini, questa mattina in piazza”.

“E’ stato anche benvisto lo striscione con la richiesta “particolare” fatta direttamente al sindaco Dosi e che voleva in qualche modo ricordare il contenuto della sua campagna elettorale: facci il Miracolo! Io penso che i sindaci conoscano bene l’umore dei cittadini in questi periodi difficili. Quasi tutti quelli che si sono avvicinati oggi ci hanno manifestato timori per il loro futuro lavorativo, per il futuro della loro salute e quella dei loro figli”.

“Penso che queste paure sicuramente le esprimeranno quotidianamente anche e soprattutto a chi li governa, e un pò di dubbi questi amministratori li avranno sicuramente al momento di un voto così politicamente importante. Avere dubbi è fondamentale, infatti “Il problema dell’umanità è che gli stupidi sono sempre sicurissimi, mentre gli intelligenti sono pieni di dubbi” (Bertrand Russell)”.

“Comunque ora tocca a loro – conclude Galvani -. Confidiamo che onorino al meglio il loro insostituibile  ruolo e che comprendano che la loro decisione può frenare la catastrofe che sembra paventarsi per il sistema sanitario pubblico italiano! E soprattutto che lo faccia particolarmente l’Amministrazione Comunale di Piacenza, che ha un peso significativo nella Conferenza”.

“NON POSSIAMO PERDERE L’UNITA’ SPINALE” – IL VIDEO

  L’APPELLO AI SINDACI DEL DIRETTORE SANITARIO – IL VIDEO

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.