Quantcast

Lega Pro, il punto. Piacentine superstar, Cremonese spera

Sono 29 le reti realizzate con sole 11 marcature delle quadre di casa che hanno fruttato due affermazioni (Renate e Pro Piacenza) e ben 18 segnature esterne che sono valse 5 vittorie lontano da casa (Pontedera, Cremonese, Giana, Piacenza e Siena).

Più informazioni su

Ventottesima giornata di Lega Pro con il nuovo rallentamento dell’Alessandria che in trasferta non sa più vincere, vola a -4 la Cremonese che ingigantisce la crisi dell’Olbia mentre Arezzo e Livorno perdono contatto dalle prime due e devono guardarsi le spalle dalla Giana Erminio.

In casa fa punti solo la Racing Roma con il Pontedera che, vincendo lo scontro diretto con la Lupa, aggancia a quota 31 l’Olbia. Sono 29 le reti realizzate con sole 11 marcature delle quadre di casa che hanno fruttato due affermazioni (Renate e Pro Piacenza) e ben 18 segnature esterne che sono valse 5 vittorie lontano da casa (Pontedera, Cremonese, Giana, Piacenza e Siena).
 
LE PARTITE – Quarta vittoria in trasferta per il Pontedera che espugna il campo della Lupa, botta e risposta tra Santini e Iadaresta nei minuti iniziali, poi l’espulsione del romano Gigli spiana la strada ai granata che ancora con Santini e Della Latta condannano la squadra di Di Michele alla terza sconfitta nelle ultime quattro gare; rabbiosa reazione della Cremonese che ad Olbia ottiene la terza vittoria consecutiva rimontando la rete iniziale di Kouko con la doppietta nella ripresa di Maiorino e la terza segnatura di Perrulli, per i sardi (che hanno giocato in 10 parte del secondo tempo), sesta sconfitta consecutiva ed esonero per Mignani sostituito da Tiribocchi.

Non trova continuità la Viterbese che al “Rocchi” va sotto 0-2 contro la Giana prima del clamoroso recupero sino al 3-2 del 45°, nella ripresa però le reti di Gullit  e Bruno consegnano la terza vittoria consecutiva ai lombardi che confermano la sorprendente quinta piazza; dopo 4 partite senza sorrisi arrivano i tre punti per il Renate che supera di misura la Carrarese con la rete di Florian, per i toscani non basta l’esordio in panchina di Firicano per evitare l’ottava sconfitta nelle ultime 10 uscite.

Poker del Piacenza sul campo del Tuttocuoio grazie alla doppietta di Taugoudeau ed alle reti di Romero e Saber, per i toscani (in dieci per 75’) rete della bandiera di Gelli inutile per evitare la settima sconfitta interna stagionale, biancorossi invece alla quarta vittoria consecutiva; sesta vittoria nelle ultime sette partite per il Pro Piacenza che con la doppietta di Musetti nel primo tempo liquida il Prato, toscani ancora all’ultimo posto e undicesimo stop stagionale in trasferta.

Parziale sorpresa dal Melani di Pistoia dove i padroni di casa fermano la corsa della capolista Alessandria sullo 0-0. Grigi che in trasferta non vincono dallo scorso novembre mentre arancioni che con l’esordio di Atzori in panchina ottengono il sesto pareggio tra le mura amiche; quinto risultato utile in sequenza per la Racing Roma che spaventa l’Arezzo con De Sousa, poi rimontato da Moscardelli, aretini che ormai non vincono da quattro partite.

Scivola a -10 dalla vetta il Livorno che viene nettamente battuto in casa dal Siena con i sigilli nel primo tempo di Castiglia e Ciurra, per gli amaranto un solo punto in tre partite con due sconfitte interne, mentre bianconeri che salvano la panchina di Scazzola sono allaa quinta affermazione in trasferta; non riesce più a vincere da cinque turni la Lucchese che viene rimontata in pieno recupero dal Como, la squadra di Galderisi esce cosi provvisoriamente dalla zona play-off, lariani al secondo pareggio consecutivo.

MARCATORI – Sempre in testa la coppia alessandrina formata da Riccardo Bocalon e Pablo Gonzalez a 16, a 12 centri Davide Moscardelli dell’Arezzo e Claudio De Sousa della Racing raggiungono Massimiliano Pesenti del Pro Piacenza ed Andrea Brighenti della Cremonese. La doppietta di Roma permette a Claudio Santini del Pontedera di raggiungere a 11 centri Marco Cellini del Livorno ed Alessandro Marotta del Siena, in compagnia di Salvatore Bruno della Giana autore di una della 4 reti della sua squadra a Viterbo.

SPETTATORI – Record di pubblico per il match dell’Armando Picchi di Livorno con 3918 presenze , seguito a lunga distanza dal confronto del Porta Elisa di Lucca con 1728 spettatori. Minor seguito per Racing Roma – Arezzo dove al Casal di Marmo erano presenti circa 300 persone e Lupa Roma – Pontedera  sempre con 300 spettatori al Galli di Tivoli. Per il Piacenza 350 presenza al Manucci di Pontedera per il confronto con il Tuttocuoio mentre al Garilli per Pro Piacenza – Prato erano presenti in 400.
 
PROSSIMO TURNO – Decima giornata di ritorno in cui spicca senza dubbio il confronto al vertice tra Arezzo (4) e Livorno (3), vero e proprio spareggio per la terza piazza. Interessante in chiave play-off l’incrocio tra Viterbese (9) e Pro Piacenza  (10), mentre il Piacenza (6) ospita il Siena (12) con i bianconeri all’ultima spiaggia per agguantare il decimo posto. In zona retrocessione la sfida di Carrara tra Carrarese (18) e Racing Roma (19) può dire tanto in chiave play-out.
 
Giancarlo Tagliaferri

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.