Otto marzo, in Provincia targa dedicata alle donne foto

“Una marcia per Venere”: è l’evento organizzato a Piacenza dalla Consulta delle Elette nell’ambito delle iniziative per l’8 marzo. Lunedì 6 marzo una delegazione di amministratrici ha percorso, in una simbolica camminata, il tratto di strada che collega palazzo Mercanti a palazzo Garibaldi, sede della Provincia. 

Più informazioni su

“Una marcia per Venere”: è l’evento organizzato a Piacenza dalla Consulta delle Elette nell’ambito delle iniziative per l’8 marzo. Lunedì 6 marzo una delegazione di amministratrici ha percorso, in una simbolica camminata, il tratto di strada che collega palazzo Mercanti a palazzo Garibaldi, sede della Provincia. 

Le consigliere e assessore di Piacenza hanno consegnato a Patrizia Calza, vice presidente della Provincia, una targa riportante una frase attribuita a William Shakespeare: “In piedi, signori davanti a una donna”. 

“Si tratta di un’idea della vice presidente della Consulta delle elette Sabrina Silva (consigliera del Comune di Ziano); è un simbolo che la Consulta dona alla Provincia, come testimonianza della passione e dell’impegno e della forza di tutte le donne per l’8 marzo – spiega Annalia Reggiani, presidente della Consulta delle elette -. Abbiamo scelto la frase di Shakespeare perché é emblematica dell’importanza della figura della donna, non solo nella società attuale. Questa frase è espressione del rispetto degli uomini debbono portare alla figura femminile, in funzione del carico che, nella sua diversità, le donne devono gestire sia nella quotidianità che nella realizzazione della propria attività lavorativa. La targa, quindi, è in onore sia di tutte le donne che ce l’hanno fatta, quale stimolo per coloro che ancora non hanno trovato il coraggio e la forza di emergere, ma anche e soprattutto di quelle che purtroppo oggi non ci sono più”. 

“La targa resterà esposta nella sala della giunta dove vengono prese le decisioni dell’istituzione – aggiunge Patrizia Calza, vice presidente della Provincia – come riconoscimento del ruolo importante delle donne, e del lungo percorso, non ancora concluso, volto al riconoscimento dei propri diritti ancora violati in tanti paesi del mondo”. 

“E’ un invito al rispetto delle donne, soprattutto per le giovani generazioni, affinché vengano superati stereotipi che dilagano” conclude Giulia Piroli, assessora con delega alle Pari Opportunità del Comune di Piacenza. 

Hanno preso parte alla marcia la consigliera regionale Pd Katia Tarasconi, le assessore Tiziana Albasi, Giorgia Buscarini, Giulia Piroli, le consigliere Maria Lucia Girometta, Laura Rapacioli, Sandra Ponzini, Annalia Reggiani, Miriam Bisagni, Manola Gruppi sindaco di Pontenure e Chiara La Guzza, consigliera comunale con delega alle pari opportunità. 

Giornata internazionale della donna, gli altri appuntamenti – Proseguono gli appuntamenti legati alla celebrazione della Giornata internazionale della Donna.

Nella mattinata di martedì 7, alle ore 9 presso la serra di Palazzo Ghizzoni Nasalli in via Gregorio X n. 9, in collaborazione con il Cantiere Simone Weil il Comitato interculturale Femminile Plurale condurrà, per gli studenti della media Calvino, il dialogo “Preferisco la felicità”.

Alle 13.30, l’assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Piacenza, in collaborazione con il Conservatorio Nicolini e con la casa circondariale delle Novate, proporrà un concerto per le donne ospiti della sezione femminile del carcere di Piacenza. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.