Quantcast

Piano regionale dell’aria e raccolta Iren al Belvedere nel mirino di Opizzi e Foti (FdI) 

Raccolta rifiuti porta a porta nel quartiere Belvedere a Piacenza e piano regionale della qualità dell'aria nel mirino di Erika Opizzi e Tommaso Foti (FdI). 

Raccolta rifiuti porta a porta nel quartiere Belvedere a Piacenza e piano regionale della qualità dell’aria nel mirino di Erika Opizzi e Tommaso Foti (FdI). 

Sul fronte della raccolta porta a porta, dopo aver presentato un’interrogazione su questo tema un mese fa, i consiglieri di Fratelli d’Italia hanno presentato una mozione che sarà discussa a palazzo Mercanti. “Chiediamo al Comune di intervenire per mediare – spiega Opizzi -. Questo nuovo sistema prevede che i bidoni per i rifiuti siano posizionati all’esterno degli edifici, e che questo venga fatto dagli stessi cittadini. Una richiesta motivata da Iren con la necessità di tutelare la sicurezza dei propri operatori. Richiesta, però, che crea non pochi problemi logistici: in alcuni casi non c’è spazio per poter posizionare in bidoni, in altri casi diventerebbe occupazione di suolo pubblico. E’ necessario trovare una soluzione”. 

Tommaso Foti, nella duplice veste di consigliere comunale e regionale, ha invece posto l’attenzione sul piano della qualità dell’aria, in procinto di essere varato dalla giunta Bonaccini. “Il provvedimento prevede che l’area pedonale venga aumentata del 20 per cento rispetto al centro storico, e che la Ztl sia estesa pari al 100 per cento del centro storico. Il che non significa che tutto il centro possa diventare a traffico limitato, ma che anche altre aree della città, anche in periferia, potrebbero essere sottoposte a limitazione – afferma Foti -. Quello che è certo è che questo piano comporterà, osserva Foti, “una desertificazione del centro di Piacenza. Le norme contenute nel piano regionale della qualità dell’aria hanno una natura prescrittiva, e serviranno come direttive per il piano urbano del traffico. Tra le novità previste nei prossimi anni ci sono anche le limitazioni alle auto diesel euro 4 (dal 2018) e euro 5 (dal 2025): In pratica si vuole impedire ai cittadini di poter circolare, nonostante sia dimostrato che il traffico veicolare incida solo per il 40% sull’inquinamento atmosferico, contro il 57% causato da traffico commerciale leggero e autobus”. Per contrastare il provvedimento il consigliere di Fratelli d’Italia presenterà mozione in consiglio comunale a Piacenza.

E a proposito di provvedimenti riguardanti il traffico veicolare, Foti si fa portavoce dei residenti di Roncaglia, chiedendo che, nella frazione, vengano posizionati autovelox, invece di “biscotti” già danneggiati per la quarta volta dalla loro installazione. Anche in questo caso i consiglieri FdI hanno presentato un’interrogazione. 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.