Quantcast

“Provincia senza fondi, a rischio viabilità e l’edilizia delle scuole”

Lo ha affermato il presidente della Provincia di Piacenza Francesco Rolleri, che ha deciso di presentare un esposto cautelativo alla Procura della Repubblica, un'azione eclatante condivisa su scala nazionale con gli altri enti aderenti all'Upi

Più informazioni su

“Abbiamo pochissimi fondi per lo svolgimento delle nostre funzioni fondamentali e purtroppo le notizie che arrivano da Roma non sono positive”.

Lo ha affermato il presidente della Provincia di Piacenza Francesco Rolleri, che ha deciso di presentare un esposto cautelativo alla Procura della Repubblica, un’azione eclatante condivisa su scala nazionale con gli altri enti aderenti all’Upi, l’Unione delle Province Italiane.

Rolleri, che ha indetto una conferenza stampa insieme alla vice Patrizia Calza, al direttore generale Vittorio Silva e al dirigente del settore Finanze, Francesco Cacciatore, ha voluto denunciare la situazione dei tagli insostenibili che lo Stato ha imposto agli enti, nel corso degli ultimi tre anni.

“Abbiamo pochissimi fondi per lo svolgimento delle nostre funzioni fondamentali – ha affermato Rolleri – e purtroppo le notizie che arrivano da Roma non sono positive. Pare che il decreto enti locali che vedrà la luce a fine mese non dedicherà alle Province le risorse adeguate per garantire i servizi in maniera sufficiente. 

C’era bisogno di un’azione d’accordo con l’Upi nazionale di sensibilizzazione importante e questo esposto alle Procure è un passo doloroso, ma che siamo obbligati a fare, perchè la responsailità dell’erogazione dei servizi è interamente sulle nostre spalle”.

La scelta di presentare un esposto deriva dalla volontà della Provincia di Piacenza di autotutelarsi di fronte all’incapacità di adempiere alla funzioni e ai compiti assegnati dalla Costituzione all’ente, messi in forte discussione dai tagli economici e dai mancati trasferimenti dallo Stato.

PROVINCE SENZA SOLDI: ESPOSTO ALLA PROCURA – La nota stampa Upi
 
Parte l’esposto cautelativo inviato da parte di tutti  i Presidenti delle Province dell’Emilia-Romagna, coordinato dal Presidente di UPI Giammaria Manghi, rivolto alla Procura della Repubblica, a Prefettura e Corte dei conti per lanciare insieme l’allarme risorse.
Tale iniziativa si inserisce nella proposta di appello lanciato da UPI nazionale a tutte le Province d’Italia.
 
Anche UPI Emilia-Romagna accoglie, attraverso i propri Presidenti di Provincia, l’appello del Presidente di UPI nazionale, di proporre cioè un esposto cautelativo per segnalare la condizione ormai insostenibile riguardo la manutenzione di strade e scuole di competenza provinciale e portare pienamente a conoscenza, oltre alle Comunità, anche ai giudici della criticità estrema in cui versano le infrastrutture primarie dei territori.
 
L’intento unitario è quello di concentrare l’attenzione la voce sulla grave situazione finanziaria che incombe sulle Province, che ne impedisce l’approvazione dei bilanci 2017 e che rende al tempo stesso non sostenibili, in forza dei tagli continui, servizi fondamentali come la manutenzione di 130.000 km. di strade e oltre 5.000 scuole superiori frequentate da oltre 2,5 milioni di studenti.
 
Pertanto, è necessario che lo Stato si assuma le proprie responsabilità: dato che le Province restano, come decretato dall’esito del referendum del 4 dicembre 2016, che ne ha bocciato la modifica costituzionale, devono avere le adeguate risorse per le funzioni che sono chiamate a svolgere.
 
Il problema dei tagli del Governo alle Province è stato recentemente sollevato anche dalla stessa Corte dei conti in audizione alla Commissione bicamerale lo scorso 23 febbraio, che li ha definiti “tagli irragionevoli”.
 
Il problema di fondo rimane il forte squilibrio finanziario tra entrate e uscite nel 2017, di tutte le Province italiane, di circa 700 milioni di euro. Un dato allarmante, se si pensa che è generato dal fatto che la maggior parte delle risorse proprie derivanti dall’imposizione fiscale (RC auto e IPT) finiscono a Roma, secondo quanto previsto dalla Legge finanziaria 190/2014, che ha previsto prelievi da un miliardo nel 2015, due miliardi nel 2016 e che dovrebbero arrivare a tre miliardi nel 2017; insostenibilità pura, dunque, se ci si affida anche solo all’aritmetica.
 
“Le condizioni in cui si trovano le Province non sono più sostenibili.” – commenta Giammaria Manghi, Presidente di UPI Emilia-Romagna e Presidente della Provincia di Reggio Emilia – “La legge 56 ci ha affidato una serie di funzioni fondamentali, ma la programmazione finanziaria dello Stato non ci ha attribuito le risorse per farvi fronte e, in primis, dobbiamo risponderne ai cittadini. Ad oggi, non siamo più in grado di garantire la funzionalità dei servizi. Di questo, lo Stato deve prendere atto e porre rimedio al più presto, trovando le risorse necessarie. Non vi è più la più disponibilità ad accettare ulteriori proroghe”.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.