Quantcast

Sfida ad alta quota per il Piace contro l’Arezzo di Moscardelli

Super-sfida quella di sabato prossimo (16.30) quella tra Piacenza ed Arezzo, un match dal sapore di altissima classifica con gli ospiti al terzo posto della graduatoria

Più informazioni su

Super-sfida quella di sabato prossimo (16.30) quella tra Piacenza ed Arezzo, un match dal sapore di altissima classifica con gli ospiti al terzo posto della graduatoria ed i padroni di casa appena dietro al sesto posto con sole quattro lunghezze.

Occasione quindi per i biancorossi di avvicinarsi ulteriormente al vertice dopo la folle corsa di sette vittorie consecutive.

I POSTUMI DELLA BATTAGLIA – E’ inutile dire che la vittoria di Como ha lasciato conseguenze dentro e fuori dal campo; non si sono ancora placate le polemiche per la condotta di gara dell’arbitro Pasciuta che ha scatenato non poche reazione tra il pubblico ed i tesserati lariani, con l’aggiunta del “caso maglie” nel quale il Piacenza è stato accusato di aver deliberatamente utilizzato una casacca blu per generare confusione e ritardi tra i padroni di casa.

Sul terreno di gioco, al di là degli episodi dubbi, i biancorossi sono stati capaci di reagire ad un veemente inizio dei comaschi, grazie ad una condotta di gara comunque equilibrata e giudiziosa. Se la difesa ha sofferto le incursioni ai lati di Peverelli e soprattutto Di Quinzio, a centrocampo ancora splendido protagonista Taugourdeau con la punizione astuta del pareggio e l’assist al bacio in contropiede per il raddoppio di Nobile.

Sorpresa per l’esordiente La Vigna al debutto dall’inizio e capace in un contesto agonisticamente impegnativo e con ritmi alti di giocare con personalità abbinando alla quantità anche una certa tecnica; non ci sono ancora aggettivi per l’attaccante Nobile alla seconda rete da professionista e diventato ormai letale in velocità confermandosi una vera scoperta non solo per il Piacenza ma anche per tutto il campionato.

Contro l’Arezzo l’occasione per agganciare il treno delle big, contro una squadra ricca di talenti e dal potenziale offensivo impressionante, ma spesso vittima di cadute improvvise che ne hanno minato la continuità di rendimento.

SPAURACCHIO MOSCARDELLI – Reduce dalla sofferta ma meritata vittoria contro la Pistoiese nel posticipo di lunedì scorso grazie all’ennesima perla stagiona del bomber ex-Piacenza (la quattordicesima), la formazione amaranto è in piena lotta per il terzo posto insieme al Livorno; difficile ma non impossibile pensare ad una aggancio alla Cremonese al posto d’onore per una squadra in grado tra le mura amiche del “Città di Arezzo” di ottenere 15 vittorie con sole 8 reti subite che sono valse ben 36 punti, dietro solo all’Alessandria.

Penalizzante invece l’andamento lontano da casa, con 6 sconfitte e 22 reti subite che ne fanno la peggior difesa della zona play-off solo davanti alla retroguardia del Como. Sottili abitualmente ha schierato un 4-3-1-2 alternato ad un 4-4-2, oltre alla coppia gol Moscardelli-Polidori (24 reti complessive) giostrano a centrocampo Foglia- De Feudis con ai lati gli offensivi Bearzotti e Yamga.

Tante alternative comunque per Sottili che può impiegare dietro le punte sia Grossi (attualmente infortunato) che Erpen e Corradi mentre sui lati Masciangelo ed Arcidiacono.

Vero tallone d’Achille è la difesa, puntellata a gennaio con gli arrivi di Ferrario, Luciani e Barison, mentre a centrocampo si è inserito l’ex Bassano Cenetti, con uno schieramento arretrato talvolta passato a tre difensori proprio per arginare l’emorragia di reti subite.

Giancarlo Tagliaferri

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.