Quantcast

Zandonella (Lega): “Richiedenti asilo arrivati in segreto alla Besurica”

La denuncia del segretario della Lega Nord cittadina dopo che nei giorni scorsi una decina di richiedenti asilo di origine africana avrebbe preso alloggio in una villetta a schiera di via Bartoli

Più informazioni su

“Invece delle tre telecamere per sorvegliare gli accessi del quartiere, come da mozione approvata nel 2014 dal consiglio comunale, i cittadini della Besurica si vedono recapitare un gruppo di presunti profughi. Vergognosamente, ciò è avvenuto in segreto, senza avvertire gli abitanti della zona”.

A denunciarlo è il segretario della Lega Nord cittadina, Luca Zandonella, dopo che nei giorni scorsi una decina di richiedenti asilo di origine africana avrebbe preso alloggio in una villetta a schiera di via Bartoli.
 
“Il silenzio intorno al loro arrivo è ingiustificabile – accusa – dal momento che a gestire l’operazione è una società al 95 percento di proprietà comunale, l’Azienda servizi alla persona, che a sua volta ha affidato l’incarico alla cooperativa L’Ippogrifo. Per questo motivo sarebbe doveroso, da parte dell’amministrazione comunale, informare anticipatamente i cittadini, gli stessi che da tre anni attendono efficaci misure di controllo per un quartiere da tempo nel mirino dei ladri. Tale reticenza non fa che innalzare il livello della preoccupazione e alimentare i timori sull’identità di queste persone o su un’eventuale perdita di valore degli immobili della zona”.

“Lascia dubbi anche l’opportunità di alloggiare tre famiglie in un immobile di ridotte dimensioni. Alla guida di Piacenza – insiste Zandonella -, la Lega non si renderebbe complice del business dell’immigrazione, rescindendo l’accordo tra Prefettura ed Asp, con quest’ultima che tornerebbe solamente a svolgere la sua funzione naturale: quella di curare anziani, disabili e bambini in difficoltà”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.