Anche da Piacenza il grido di pace per la Siria FOTO – VIDEO foto

Molte le adesioni alla manifestazione-presidio promossa venerdì pomeriggio dai sindacati piacentini Cgil Cisl e Uil che all’indomani della strage di civili a Idlib, nel nord ovest della Siria, hanno chiamato a raccolta cittadini e istituzioni

Più informazioni su

“Fermate le bombe in Siria”.

Anche da Piacenza si è alzato il grido di pace per la Siria: molte le adesioni alla manifestazione-presidio promossa venerdì pomeriggio dai sindacati piacentini Cgil Cisl e Uil che all’indomani della strage di civili a Idlib, nel nord ovest della Siria, hanno chiamato a raccolta cittadini e istituzioni.

Tante le bandiere della pace deposte davanti a Palazzo Mercanti: “Deve essere fatto ogni sforzo politico e diplomatico per fermare questa strage – spiegano i promotori -. Non possiamo rimanere indifferenti di fronte all’uso di mezzi di distruzione di massa”. 

Tra gli interventi quelli dell’assesore Luigi Gazzola per il comune di Piacenza, di Patrizia Calza, vicepresidente della Provincia, di Lidia Pastorini, presidente di Unicef Piacenza, di Yassine Baradai della Comunità Islamica di Piacenza, e di Glenda Cinotti in rappresentanza del Comitato provinciale della campagna “Un’altra difesa è possibile”.

La Pastorini (nel VIDEO) ha parlato delle tragiche conseguenze del conflitto siriano sui bambini e delle difficoltà di far pervenuire gli aiuti: “Sono 10 milioni i bambini siriani che non sono raggiungibili dai soccorsi, il silenzio è la cosa più grave di questa guerra”.

Baradai ha lanciato l’appello della comunità islamica piacentina: “Allah akbar, Dio è più grande dei carnefici di questa guerra infinita”.

VIDEO
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.