Quantcast

Le Rubriche di PiacenzaSera - Cinema

Cinema, 175 recensioni in gara per il Premio Cat 2017

L’esito del concorso con le premiazioni è previsto entro il 31 maggio a Piacenza con un momento celebrativo in ricordo del critico Giulio Cattivelli a cui è dedicato il progetto

Più informazioni su

Il contest delle recensioni cinematografiche indetto da Cinemaniaci Associazione Culturale ha attirato l’attenzione degli aspiranti critici del cinema residenti in tutto il Paese.

Motivo di grande soddisfazione per Cinemaniaci e in specie per il suo presidente, Piero Verani, ideatore del progetto intitolato alla memoria di Giulio Cattivelli.

Dopo la serie di workshop e masterclass tenuti da Gianni Canova, Pier Maria Bocchi, Mauro Gervasini, Emanuela Martini e Paolo Mereghetti in città, il contest è arrivato in province dove molte persone faticano a localizzare geograficamente la piccola Piacenza. Merito è certamente anche della rete Ucca, diffusa capillarmente a livello nazionale e radicata nei territori, a cui Cinemaniaci aderisce e del cui Consiglio Nazionale fa parte Piero Verani.
 
Le 40 province dalle quali provengono i ragazzi che hanno inviato le recensioni sono: Bologna, Catania, Foggia, Lodi, Lucca, Milano, Monza-Brianza, Napoli, Piacenza, Roma, Torino, Verona, Campobasso, Pavia, Catanzaro, Livorno, Lecce, Cuneo, Forlì-Cesena, Bergamo, Arezzo, Genova, Varese, Matera, Firenze, Potenza, Salerno, Palermo, Caltanissetta, Bari, Pistoia, Brescia, Cosenza, Cremona, Padova, Novara, Ancona, Chieti, Pisa, Carbonia-Iglesias. Due recensioni arrivano dal Regno Unito; le hanno scritte due ragazze italiane all’estero per motivi di studio.

Per quanto riguarda le scuole superiori piacentine i testi sono 18 dal Liceo M. Gioia, 14 dal Liceo Respighi, 2 dal Liceo Cassinari. Gli istituti sono stati coinvolti nella serie di workshop proposti a Piacenza nei locali del Liceo Gioia, scuola con cui abbiamo una consolidata partnership e che ci ha offerto ospitalità.
 
Le recensioni in gara per il Premio Cat 2017 sono in totale 175, di cui 74 recensioni tweet da 140 caratteri e 101 recensioni da 1.400 caratteri.

La “follia” della recensione tweet ha resistito: pur essendo a rischio di fraintendimento o sottovalutazione, i ragazzi hanno colto il senso della scelta della categoria della recensione tweet, apparentemente una contraddizione in termini: “Molti – spiegano gli organizzatori – hanno scelto di partecipare a entrambe le sezioni di gara; alcuni hanno trovato difficile esprimersi nella forma brevissima del tweet optando per una recensione più articolata, altri hanno rifiutato la recensione classica, invece, puntando tutto sul tweet. Ci sembra opportuno sottolineare che i premi sono della stessa entità sia per le recensioni tweet che per le recensioni standard, proprio per dare dignità a una forma nuova, diversa ma importante di scrittura; si tratta di premi davvero molto ricchi e interessanti (fino a 1.000 euro per la recensione prima classificata in ciascuna categoria) per giovani studenti e a fronte del tipo di impegno richiesto”.

La Giuria che si occupa della valutazione dei testi iscritti al contest è costituita da Pier Maria Bocchi, Gianni Canova, Luca Malavasi, Emanuela Martini e Paolo Mereghetti. L’esito del concorso con le premiazioni è previsto entro il 31 maggio a Piacenza con un momento celebrativo in ricordo del critico Giulio Cattivelli a cui è dedicato il progetto.

Altri numeri utili a fini statistici: delle 175 recensioni ammesse al contest 40 sono state scritte da giovani piacentini, cioè il 23% (23 recensioni tweet, 17 recensioni da 1.400 caratteri), mentre 134 provengono da tante diverse regioni italiane, cioè 77% non è piacentino e questo dato conferma la vocazione nazionale dell’iniziativa nata a Piacenza, ma con ambizioni di larga diffusione in tutta Italia (51 recensioni tweet, 83 recensioni da 1.400).

Sono 114, invece, i testi scritti da studenti universitari (65,5%) e 60 quelli redatti da liceali o da giovani diplomati che non studiano all’università, di cui 34 piacentini (34,5%).

Per quanto riguarda l’età ricordiamo che il contest era aperto ai giovani tra i 16 e i 26 anni; se suddividiamo i partecipanti in maggiori e minori di 20 anni, scopriamo che109 sono i ragazzi tra i 21 e i 26 anni (62,6%), 65 quelli tra i 16 e i 20 anni di età (37,4%). Dal punto di vita del genere rileviamo che 99 sono i testi scritti da maschi (56,9%), 75 quelli scritti da femmine (43,1%). Dunque, prevale lo studente “universitario maschio”.

Tra gli aspiranti recensori ci sono anche allievi del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, dello IULM, delle facoltà di cinema, media e comunicazione e del DAMS di Bologna, Torino, Milano, dell’Accademia di belle arti di Brera e di Napoli, della Bocconi, del Politecnico di Torino, della scuola Holden di Torino.

Il film più recensito è LA LA LAND con 35 recensioni (10 tweet e 25 da 1.400 caratteri), al secondo posto c’è ARRIVAL con 29 recensioni (11 tweet e 18 da 1.400 caratteri), entrambe opere di giovani autori apprezzati dalla critica e dal pubblico, produzioni importanti con attori hollywoodiani ma non kolossal. Medaglia di bronzo per MANCHESTER BY THE SEA con 10 recensioni (tutte da 1.400 caratteri). Seguono Split, La battaglia di Hacksaw Ridge, Barriere e molti altri titoli usciti in sala nel periodo gennaio-febbraio 2017.

Curiosità che viene in mente nell’analisi dei dati alla luce del brutto pasticcio della Notte degli Oscar: LA LA LAND batte MOONLIGHT 35 a 6 nel numero delle recensioni. Cioè 20% contro 3%. L’Oscar dei ragazzi del Premio Cat 2017 va a LA LA LAND.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.