Con i “codici a barre” falsi pagano 60 euro una spesa da 650 euro

Stampano codici a barre fasulli con un' app e pagano meno di 60 euro una spesa da 650 euro al supermercato di via Conciliazione a Piacenza

Più informazioni su

Stampano codici a barre fasulli con un’ app e pagano meno di 60 euro una spesa da 650 euro al supermercato di via Conciliazione a Piacenza.

Una tecnica inedita messa in atto da marito e moglie albanesi, (lui sacrestano in una chiesa della città) finiti in manette nel pomeriggio del 28 aprile per furto aggravato in concorso.

I due, lui 48 anni e lei 42, come successivamente hanno spiegato ai carabinieri della stazione di Levante, hanno utilizzato un’applicazione con cui hanno stampato dei barcode fasulli, ma perfettamente “funzionanti”, da applicare poi ai prodotti in vendita con un costo nettamente più basso. 

La coppia, entrambi con precedenti specifici, è arrivata al supermercato già munita dei finti codici, preparati ad hoc per i prodotti che intendevano acquistare. Nel carrello hanno messo numerosi generi alimentari pesce carne, succhi di frutta, formaggi etc.., incollando sopra i prezzi reali quelli già stampati a casa.

Arrivati in cassa hanno pagato la merce “rietichettata” solo 58 euro (una parte era stata occultata all’interno di due borse), a fronte di un valore reale di ben 640 euro. Un addetto alla sicurezza ha però sospettato che vi fosse un’anomalia, e li ha bloccati per un controllo, scoprendo i codici a barre falsi incollati su quelli originali.

I militari hanno poi appurato che il trucco era stato attuato con un’applicazione che avevano scaricato sul loro smartphone, capace di riprodurre fedelmente le etichette.

Oggi sono comparsi in tribunale, dove hanno richiesto i termini a difesa. 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.