PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Foti (Fdi-An): “Da 30 anni il Consorzio bonifica riscuote tassa per opere non più sue”

Il consigliere ricostruisce vicenda dal 1987: "L'amministrazione comunale ha chiesto alla Giunta di cancellare i collettori dal perimetro di bonifica?"

Il consorzio di bonifica di Piacenza chiede da anni ai cittadini una tassa di “due miliardi e mezzo di vecchie lire” per lavori che riguardarono i collettori rifiuto (canale nella zona sud-est della città) e settentrionale (parallelo al fiume Po). Ma il comune stimò un costo di manutenzione delle opere di “50-100 milioni di lire”.

Lo afferma Tommaso Foti (Fdi-An), consigliere regionale di Fratelli d’Italia-An, ha presentato un’interrogazione per chiedere alla Giunta regionale se il Comune abbia richiesto di escludere dal perimetro di bonifica i due collettori “a 30 anni di distanza dalla delibera” che a tutt’oggi è operativa.

Foti sottolinea che nel 1987 il Comune di Piacenza deliberò il passaggio dei due canali dalla bonifica all’amministrazione, come opere fognarie, ma nonostante siano passati 30 anni i condomini pagano ancora la tassa. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.