Indacoo, Federconsumatori e Sunia “Istituire fondo di tutela per i soci prestatori”

"Ad un anno dalla scadenza del concordato preventivo, - scrivono in una nota - la situazione è densa di incertezze e preoccupazioni sia per i soci prestatori sia per quelli assegnatari in affitto permanente"

Più informazioni su

Comunicato stampa di Federconsumatori Piacenza e Sunia sulla vicenda della cooperativa Indacoo

Il tracollo delle cooperative è un argomento grave, che ha messo in ginocchio migliaia di famiglie del piacentino e non solo. 

Questa implosione ha riguardato l’aspetto economico, come sappiamo bene, ma anche quello etico e morale. Famiglie distrutte, fiduciose fino all’ultimo nella cooperazione, nell’ideale, nella buona gestione e nel “sistema” cooperativo. E’ crollato tutto, sono andati in fumo i risparmi e con loro la fiducia.

Federconsumatori e Sunia stanno seguendo da anni i soci prestatori e gli assegnatari in affitto permanente. A livello nazionale nel 2016 è stato organizzato un importante convegno al quale sono intervenuti parlamentari e rappresentanti nazionali di Legacoop. In quell’occasione, i delegati di tutti i comitati nazionali di coop coinvolte si sono riuniti a Reggio Emilia, a raccontare le loro storia.

E’ stata inoltre avanzata al Governo la proposta di Federconsumatori, per l’istituzione di un fondo come quello organizzato a tutela – e per risarcire – i risparmiatori delle quattro banche fallite. Oltre al fondo, è stata avanzata la richiesta di garanzie maggiori e trasparenza nel rapporto tra prestatore e cooperativa che, ad oggi, ha mostrato tutti i suoi limiti.

Un fondo che guardi al futuro ma che pensi anche al pregresso, a ciò che già è andato perso e che deve comunque essere tutelato e risarcito.

E’ stato assunto l’impegno a riconvocare e mobilitare i comitati, così come votato all’unanimità nell’Assemblea pubblica, organizzata anche a Piacenza presso il Salone N. Mandela il 24 marzo da Federconsumatori, Sunia di Piacenza con il contributo significativo ed importante del “Comitato difesa Soci Indacoo“ attivo da due anni.

Oltre a quelli locali anche i comitati a livello nazionale saranno tutti mobilitati, chiederanno un confronto diretto ai vertici nazionali di Legacoop e ai capigruppo parlamentari.

Per quanto riguarda la realtà piacentina la situazione di Indacoo, ad un anno dalla scadenza del concordato preventivo, è densa di incertezze e preoccupazioni sia per i soci prestatori sia per quelli assegnatari in affitto permanente; è per questo che come Federconsumatori e Sunia di Piacenza, con il sostegno della Camera del Lavoro di Piacenza, viene condivisa la richiesta d’istituzione di un fondo a tutela dei prestatori, che sarà supportata da iniziative pubbliche alle quali sono invitati a partecipare tutti i soci, i loro familiari, nonché di concerto con il sindacato degli edili, gli stessi ex-lavoratori di Indacoo. 

INIZIATIVE:

– Giovedì 20 APRILE 2017, davanti lega coop (Bologna), PRESIDIO/MANIFESTAZIONE REGIONALE, ore 11.00;

– Giovedì 4 MAGGIO 2017, davanti alla prefettura di Piacenza PRESIDIO/MANIFESTAZIONE PROVINCIALE dalle ore 17,30;

– Giovedì 18 maggio 2017, davanti al Parlamento a Roma, PRESIDIO/MANIFESTAZIONE NAZIONALE, ore 11.00.

Dette iniziative sono inoltre finalizzate a fornire le migliori garanzie ai soci abitanti negli appartamenti a proprietà indivisa in affitto permanente, anche dopo la scadenza del concordato preventivo.

Per definire, attraverso un protocollo, una Intesa che riesca a soddisfare le legittime richieste dei soci prestatori e le suddette garanzie per quelli della proprietà indivisa verranno altresì attivati dei confronti istituzionali a livello territoriale, chiedendo al Comune di Piacenza di svolgere un ruolo di garante degli impegni che, eventualmente, venissero assunti tra le parti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.