PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La Pubblica S. Giorgio fa 30 anni: domenica la festa

Fondata nel 1987 nasce dopo che un tragico incidente fa meditare la popolazione del paese riguardo alla necessità di un servizio che garantisca una mano a chi chiede aiuto

La Pubblica Assistenza San Giorgio compie 30 anni e si trova con i volontari le autorità e la popolazione, domenica 23.

Fondata nel 1987 nasce dopo che un tragico incidente fa meditare la popolazione del paese riguardo alla necessità di un servizio che garantisca una mano a chi chiede aiuto. E’ con questo spirito che Giuseppina Maserati, il 1 novembre 1987, insieme ad altre 6 persone fondò la Pubblica.

Giuseppina, ancora tutt’ora volontaria della Pubblica Assistenza San Giorgio, crede più che mai in questa associazione descrivendola come fondamentale e rivolta sempre più sensibilmente alle necessità delle persone. Una grande famiglia che tiene uniti i volontari e i pazienti che ogni giorno vengono assistiti e trasportati su ambulanze e pulmini dalla Pubblica.

Dopo trentanni il volto della Pubblica è ancora giovane, grazie all’impegno di Giampiero Botti, volontario che per l’occasione ha curato e realizzato la verniciatura dell’intera sede.

Associazione moderna non solo di facciata ma anche di sostanza: nuovi volti giovani sono entrati a far parte del gruppo volontari e nuovi mezzi, ben due in un colpo solo, verranno inaugurati domenica, pronti a sostituire due ambulanze. Con un parco mezzi di oltre 25 unità la Pubblica ha percorso oltre 4 milioni di km, svolgendo più di 90 mila servizi.

“Fare volontariato non è solo passare del tempo in sede” afferma il presidente Andrea Merli “vuol dire anche aiutarsi, anche senza salire sulle ambulanze, poter contare su una seconda famiglia. I volontari sono persone solidali, che pensano al prossimo in un mondo che sta cadendo sempre più nel vortice dell’indifferenza. Sono proprio questi gli ingredienti che hanno permesso alla nostra associazione di poter spegnere le trenta candeline”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.