PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lega Pro, il punto: imprese per Olbia e Prato, romane vicino al baratro

Trentaseiesima giornata di Lega Pro e terz’ultima di ritorno che emette i primi parziali verdetti con il Como che si assicura il play-off mentre Racing e Lupa Roma non possono matematicamente raggiungere la salvezza diretta.

Più informazioni su

Trentaseiesima giornata di Lega Pro, terz’ultima di ritorno, che emette i primi parziali verdetti con il Como che si assicura il play-off mentre Racing e Lupa Roma non possono matematicamente raggiungere la salvezza diretta.

In vetta continua il braccio di ferro tra Cremonese ed Alessandria ancora divise da un punto (per la classifica avulsa sono due) a 180’ dal termine del campionato.

Nessuna vittoria per il terzo posto dove il Livorno viene fermato sul pareggio esterno dal Piacenza e l’Arezzo cade clamorosamente in casa con il Prato, inattesa battuta d’arresto anche per la Giana Erminio a proprio domicilio dal Pro Piacenza, ne approfitta il Piacenza che si porta a -3 dalla Giana (per gli scontri diretti sono 4 punti di gap) che riesce a staccare la Viterbese sconfitta in rimonta a Siena.

Il Como rimane in scia del sesto posto e dei biancorossi con l’affermazione di misura sulla Lupa Roma, mentre per l’ultimo posto play-off è corsa a tre tra Renate, Lucchese e Pro Piacenza divise da soli 2 punti.

In zona retrocessione importanti i tre punti esterni di Prato e Olbia che si giocano a braccetto con Tuttocuoio e Carrarese (entrambe vittoriose negli scontri diretti con Racing e Pontedera) l’ultima posizione per evitare la coda degli spareggi; quasi al sicuro a quota 42 Pistoiese, Siena, e Pontedera che comunque necessitano ancora di almeno un punto per evitare sorprese.

Sono ventidue le reti segnate nel turno con tredici segnature delle squadre di case che sono valse le vittorie di Carrarese, Cremonese, Tuttocuoio, Alessandria, Siena e Como e nove sigilli in trasferta per le affermazioni di Olbia, Pro Piacenza e Prato.

LE PARTITE – Terzo pareggio consecutivo per Livorno che al Garilli non va oltre lo 0-0 contro il Piacenza, per i toscani è il settimo risultato utile in sequenza ma che non permette l’aggancio al terzo posto mentre per i padroni di casa è il nono pareggio stagionale che permette di difendere la sesta piazza; la rete di Maiorino nel primo tempo avvicina la Cremonese al sogno della promozione, grigiorossi alla quinta vittoria consecutiva (ben 23 in totale) mentre toscani sono raggiunti dal Pro Piacenza al decimo posto dopo quattro partire senza macchia.

Vittoria in rimonta per il Como in casa contro la Lupa Roma, alla rete di Iadaresta rispondono Pessina e Sperotto con i lariani che si assicurano i play-off con l’ottava vittoria in casa (tre affermazioni consecutive) mentre i romani vedono sfuggire il treno della salvezza diretta con la terza sconfitta consecutiva; lo spareggio tra Tuttocuoio e Racing premia i neroverdi grazie alla doppietta di Ferrari che permette alla squadra di Fiasconi di rimanere in scia della Carrarese, inutile il pareggio di Vastola per gli ospiti che ora possono sperare solo di evitare l’ultimo posto in classifica.

Una delle sorprese di giornata arriva da Pistoia dove l’Olbia grazie al neo-entrato Ogunseye espugna il Melani dopo tredici incontri senza vittorie, ancora imbattuto Mereu in panchina che prova ad evitare i play-out, arancioni di Atzori che invece si complicano la vita con una salvezza ancora non aritmetica; inatteso colpo del Pro Piacenza che infligge alla Giana Erminio il secondo stop in sette giorni, la coppia d’oro Pesenti-Musetti gela Gorgonzola, non basta il pareggio di Bruno per evitare alla squadra di Albè la quinta sconfitta interna.

Finocchio e Floriano permettono alla Carrarese di conseguire tre fondamentali punti in chiave play-out, Pontedera fermato dopo una striscia positiva di otto confronti senza macchia e che deve rimandare di almeno una settimana la festa-salvezza;  impresa di giornata dal “Città di Arezzo” dove il Prato rimonta la rete iniziale di Arcidiacono con l’ennesima punizione di Tomi ed il sigillo di Moncini, aretini ancora al terzo posto e lanieri in corsa per una incredibile salvezza diretta.

Sofferto esordio per Pillon in panchina dell’Alessandria che trova solo al 66° con Gonzalez la vittoria contro il Renate, grigi che scardinano il bunker dei brianzoli rimanendo in scia della Cremonese ad un solo punto, ora Lupa e Pontedera per sperare nell’aggancio in vetta; nel posticipo sorpasso e contro sorpasso tra Siena e Viterbese, Jefferson e Neglia rispondono a Ciurria con Jawo e Marotta che nella ripresa consegnano tre punti d’oro ai senesi che si allontanano dal rischio play-out mentre i laziali prima sognano il sesto posto ma ora devono ancora guadagnarsi i play-off.

MARCATORI – Con la marcatura al Renate torna in vetta Pablo Gonzalez dell’Alessandria che affianca a 19 reti  il compagno di squadra Riccardo Bocalon , a 17 reti sale Salvatore Bruno della Giana Erminio grazie al provvisorio pareggio con il Pro Piacenza, Andrea Brighenti della Cremonese e Davide Moscardelli dell’Arezzo sono fermi a 16 centri, Alessandro Marotta a segno contro la Viterbese raggiunge a 15 Claudio de Sousa della Racing Roma rimasto a secco a Como, torna alla rete Massimiliano Pesenti del Pro Piacenza che insieme a Samuele Neglia della Viterbese sale a 13 raggiungendo Claudio Santini del Pontedera.

Miglior marcatore biancorosso è sempre Anthony Taugoudeau con 11 centri, mentre Riccardo Musetti con la rete da tre punti contro la Giana firma sette reti in campionato.

SPETTATORI – Record di pubblico per lo stadio Giuseppe Zini di Cremona dove a spingere il locali alla vittoria contro la Lucchese c’erano 4494 spettatori, l’altra contendente Alessandria invece è stata seguita al Giuseppe Moccagatta da 2699 persone anche se qui ha inciso l’assenza per protesta del tifo della curva. Minori presenze a Pontedera dove l’incontro salvezza tra Tuttocuoio e Racing ha visto solo 396 spettatori sulle gradinate dell’Ettore Mannucci, seguito dall’incontro del “Franco Melani” di Pistoia con 648 presenze per la vittoria dell’Olbia sui locali. Al Garilli infine 1593 spettatori per il pareggio tra Piacenza e Livorno.

PROSSIMO TURNO – La diciannovesima giornata di ritorno verte soprattutto sul big-match tra Livorno (4) e Cremonese (1) con gli ospiti che vincendo possono assicurarsi la virtuale festa anticipata, interessanti incroci play-off tra Viterbese (8) – Arezzo (3) e Renate (9) –Como (8).

In zona salvezza l’Olbia (17) prova ad agganciare il treno salvezza in casa con il Siena (13) mentre il Pontedera (14) ospita il Piacenza (6) per ottenere i punti della sicurezza; il Pro Piacenza  (11) riceve il Tuttocuoio (16) il quale ha bisogno di punti per rimanere vicino alla Carrarese.

Giancarlo Tagliaferri

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.