Quantcast

Pesca, Foti (Fdi-An) chiede alla Regione di inasprire la lotta agli abusivi

"Multe inefficaci per stranieri e sedicenti nullatenenti che frodano, - afferma il consigliere piacentino - sanzionato solo il 10% degli illeciti"

Più informazioni su

“Quali iniziative di contrasto al fenomeno della pesca abusiva, che sistematicamente si verifica lungo i territori rivieraschi delle province di Piacenza, Parma, Reggio Emilia e Ferrara, intende attivare la Giunta?”.

A chiederlo, in un’interrogazione all’esecutivo regionale, è Tommaso Foti (Fdi-An). La pesca di frodo, evidenzia il consigliere piacentino, “è un’attività che continua a essere praticata sul territorio regionale e, in particolare, lungo le aree rivierasche delle province di Piacenza, Parma, Reggio Emilia e Ferrara”.

Le recenti, prosegue, “modifiche alla normativa da parte del legislatore, nazionale e regionale, non sembrano avere consentito di raggiungere i risultati auspicati”.

In particolare, spiega il capogruppo Fdi-An, “le contravvenzioni comminate si dimostrano di scarsa efficacia perché non possono essere notificate a persone non residenti nel nostro Paese o sedicenti nullatenenti”.

Ne è la riprova il fatto, conclude Foti, “che, dai dati rilevati negli anni scorsi sul territorio regionale la percentuale dei verbali elevati per i quali sia stata assolta la sanzione comminata non supera il 10 per cento del totale”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.