Quantcast

Si spacciano per i nipoti e chiedono 45mila euro. Truffe sventate

Due tentativi di truffa, fortunatamente sventati, avvenuti martedì 11 aprile a Carpaneto e  Lugagnano. Una tecnica tristemente nota, ma in questi casi ancora più insidiosa; i truffatori infatti conoscevano il nome esatto dei nipoti delle vittime, rendendo quindi ancor più credibile la sceneggiata

Conoscevano il nome esatto dei nipoti e spacciandosi per loro, hanno chiesto agli anziani cifre “astronomiche” per porre rimedio ad un presunto incidente stradale.

Due tentativi di truffa, fortunatamente sventati, avvenuti martedì 11 aprile a Carpaneto e  Lugagnano. Una tecnica tristemente nota, ma in questi casi ancora più insidiosa; i truffatori infatti conoscevano il nome esatto dei nipoti delle vittime, rendendo quindi ancor più credibile la sceneggiata.

Il primo tentativo è avvenuto ieri mattina ai danni di una 80enne di Carpaneto. L’anziana ha ricevuto sul cellulare la chiamata del falso nipote, che le ha chiesto di andare in banca a ritirare 7mila 600 euro per saldare l’assicurazione dopo un sinistro stradale.

La signora si è quindi recata alla filiale, ma il direttore, insospettito dalla richiesta, ha avvisato il 112. Sul posto sono intervenutii carabinieri della stazione di Carpaneto e del nucleo operativo della compagnia di Fiorenzuola, che hanno subito intuito l’accaduto, impedendo che il piano dei malviventi andasse a buon fine.

Poco dopo il copione si è replicato a Lugagnano, dove una 83enne è stata contattata sull’utenza fissa dal fasullo nipote, che per gli stessi motivi, pretendeva ben 45mila euro

La signora ha spiegato di non avere in casa una simile cifra e si era resa disponibile a consegnare dei monili in oro, ma presa dal dubbio, fortunatamente, ha contattato la figlia, che ha poi inoltrato la richiesta d’aiuto ai carabinieri di Lugagnano, impedendo che la madre venisse derubata.

L’allarme truffe è stato diramato anche attraverso i gruppi di vicinato.  L’Arma raccomanda la massima attenzione e chiede ai giovani d’informare gli anziani su questi odiosi tentativi di raggiro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.