Stop al cemento, flash mob di Legambiente al Polo Logistico 

L’appuntamento è l’occasione per lanciare la mobilitazione nazionale per la Giornata della Terra, il 22 aprile, con l’organizzazione di numerosi banchetti su tutto il territorio regionale per la raccolta firme i “Salva il Suolo”

“Tutelare il suolo è il primo modo di proteggere uomini, piante e animali. Tra il 1975 ed oggi in Emilia-Romagna sono stati consumati oltre 100.000 ettari di suolo, con una perdita di terreno agricolo in grado di sfamare oltre 2,5 milioni di persone”. 

Legambiente da appuntamento giovedì 20 aprile a Piacenza, alle 18, per un Flash Mob organizzato sui terreni dell’attuale polo logistico di cui è in progetto l’espansione: “Un’ipotesi di futura cementificazione – afferma l’associazione – che riguarderebbe un’area enorme di circa 960.000 mq (circa 100 ettari) attualmente agricola, e solo in parte prevista in espansione dagli strumenti urbanistici esistenti”.

L’appuntamento è l’occasione per lanciare la mobilitazione nazionale per la Giornata della Terra, il 22 aprile, con l’organizzazione di numerosi banchetti su tutto il territorio regionale per la raccolta firme i “Salva il Suolo”: la petizione – che può essere firmata anche online su www.salvailsuolo.it – chiede che l’Unione europea introduca una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come un patrimonio comune.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.