PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Strafatto” di metanfetamina e crack, si scatena contro le forze dell’ordine

A stento sono riusciti ad immobilizzarlo e a condurlo in caserma, dove però ha continuato a creare problemi. È stato chiesto l'intervento dei sanitari, ma non è stato sufficiente a riportarlo alla normalità e di conseguenza è stato condotto in ospedale e piantonato da carabinieri e agenti. È stato poi tratto in arresto e oggi comparirà in tribunale per il processo per direttissima. 

Una notte di Pasqua tra Milano e Piacenza a base di coca e metanfetamina, terminata con l’arresto di un 30enne brasiliano per resistenza e violenza a pubblico ufficiale.

Il giovane, intossicato dagli stupefacenti, si è scatenato contro i carabinieri e gli agenti della polizia locale intervenuti in loro supporto. Due di loro hanno riportato ematomi e contusioni, giudicati guaribili in dieci giorni. È accaduto la mattina di Pasqua, durante un controllo dei militari della stazione di Piacenza principale, nella zona di via Maculani, dove hanno notato un’auto sportiva, parcheggiata lungo la strada, con a bordo un ragazzo in apparente stato confusionale.

Una presenza sospetta che era già stata segnalata da alcuni residenti alla polizia locale, arrivata subito dopo. Appena si sono avvicinati lo straniero ha dato in escandescenze, tentando di divincolarsi e prendendo a calci e pugni i rappresentanti della forze dell’ordine. Sull’auto hanno trovato tracce di cocaina, due fiale di metanfetamina e delle ampolle in vetro per consumare crack.

A stento sono riusciti ad immobilizzarlo e a condurlo in caserma, dove però ha continuato a creare problemi. È stato chiesto l’intervento dei sanitari, ma non è stato sufficiente a riportarlo alla normalità e di conseguenza è stato condotto in ospedale e piantonato da carabinieri e agenti. È stato poi tratto in arresto e oggi comparirà in tribunale per il processo per direttissima.

Dagli accertamenti condotti è emerso che il 30enne, di origine brasiliana e residente in Brianza, aveva raggiunto a Piacenza alcuni amici, per un “party” a base di droga. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.