Barbieri: “Cultura e turismo, dalla sinistra tante parole e pochi fatti”

La denuncia candidato sindaco per il centrodestra: “Organizzare degli eventi e poi non fornirgli adeguato sostegno, risulta più controproducente che non farli"

Più informazioni su

“Sono 15 anni che chi amministra questa città si riempie la bocca di parole come promozione, turismo e marketing territoriale, senza evidentemente conoscerne il significato”.

“L’ennesima dimostrazione è arrivata il primo maggio, quando in un formidabile corto circuito di errate informazioni e scarso rispetto per i piacentini e per i turisti, da un lato, veniva segnalata in internet la chiusura dei Musei Civici di Palazzo Farnese per l’intera giornata, mentre gli stessi risultavano in realtà aperti e dall’altro lato, invece, rimaneva chiusa la Galleria Ricci Oddi così come indicato sul sito. E’ questo il sintomo di una carenza di attenzione verso i visitatori, che è imputabile solo e soltanto alla superficialità che l’Amministrazione di sinistra usa, e ha usato in questi anni, nella gestione della promozione della città e delle sue eccellenze artistiche, storiche e culturali, pur riempiendosi la bocca di tante promesse”.

La denuncia arriva da Patrizia Barbieri, candidato sindaco per il centrodestra alle prossime comunali di Piacenza, che prosegue: “Organizzare degli eventi e poi non fornirgli adeguato sostegno, risulta più controproducente che non farli. Sono tanti i disservizi che vengono evidenziati, sia per quanto riguarda la carenza di indicazioni turistiche, a partire dai parcheggi o dai ristoranti aperti in città, fino a questo grossolano errore sulle comunicazioni di apertura dei musei”.

“I costi dei Musei di Piacenza – ha concluso la portacolori del centrodestra, citando gli interventi in tal senso di Paolo Garetti, ricandidato al consiglio comunale nella lista civica Prima Piacenza a sostegno di Patrizia Barbieri – sono coperti da biglietti di ingresso e da altre entrate derivante dalle loro attività per poco più del 4%. Questo significa che per ogni 100 euro spesi per i Musei dall’Amministrazione, solo 4 rientrano dalla gestione degli stessi”.

“E questo evidente squilibrio è figlio di una cattiva gestione che si evidenzia anche nelle piccole cose come l’errata comunicazione agli utenti, piacentini o turisti che siano”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.