Quantcast

Crisi Malo, la proprietà: “Impegnati nella ricapitalizzazione e nel rilancio”

Malo S.p.A, in merito a quanto dichiarato dalle rappresentanze sindacali negli ultimi giorni, ribadisce che l’azienda è impegnata a proseguire le attività di sviluppo previste dal nuovo piano industriale

Dopo l’intervento del sindacato sulla situazione della Malo, società con sede a Campi Bisenzio, nel Fiorentino, che vede una importante unità produttiva a Borgonovo Valtidone, in provincia di Piacenza (dove sono impiegate 38 persone, per la maggior parte donne), riceviamo e pubblichiamo la nota della proprietà.

Malo S.p.A, in merito a quanto dichiarato dalle rappresentanze sindacali negli ultimi giorni, ribadisce che l’azienda è impegnata a proseguire le attività di sviluppo previste dal nuovo piano industriale e sottolinea l’impegno da parte degli azionisti a sostenere la società. 
 
E’ prevista infatti, nei prossimi mesi, una ricapitalizzazione per un valore pari a circa 20 milioni di euro che avrà l’obiettivo di sostenere i prossimi esercizi e supportare la riorganizzazione e il rilancio della società. 
 
L’azienda, che ha sempre accolto con favore le richieste di confronto da parte delle rappresentanze sindacali della regione Toscana e dell’Emilia Romagna, si dice sorpresa dalle ore di sciopero e dalla manifestazione proclamati quest’oggi dalle assemblee dei lavoratori e Cgil-Cisl di categoria e ritiene che iniziative di tale portata siano ingiustificate dal momento che, allo stato attuale, nessuna decisione è stata presa formalmente. 
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.