PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lunni (Fi) “Viabilità pericolosa a Quattro Case di Monticelli”

"La combinazione di traffico e velocità - spiega il consigliere provinciale - ha fatto crescere le preoccupazioni dei residenti di Quattro Casa e le proteste per trovare una soluzione che aumenti la sicurezza anche degli incroci

Sopralluogo del consigliere provinciale Matteo Lunni (FI) a Quattro Case di Monticelli d’Ongina su invito del consigliere comunale Giuseppe Papa che, dopo un incontro pubblico tra i cittadini della località ed il sindaco, aveva annunciato di voler interessare la Provincia sull’annoso problema che riguarda la zona.

Quattro Case, all’imbocco dell’abitato di Monticelli in direzione Piacenza, è attraversato dalla Strada Provinciale n.10 (Piacenza e Cremona) il cui tracciato rettilineo – afferma Lunni – e le carreggiate larghe favoriscono l’alta velocità che fa aumentare il rischio di incidenti ed i possibili investimenti di pedoni e ciclisti”: “La situazione è ulteriormente aggravata dall’alto volume di traffico durante tutte le ore del giorno e la presenza di numerosi mezzi pesanti in particolare diretti dai poli logistici di Piacenza e Monticelli verso il territorio lombardo e l’autostrada”.

“La combinazione di traffico e velocità – prosegue – ha fatto crescere le preoccupazioni dei residenti di Quattro Casa e le proteste per trovare una soluzione che aumenti la sicurezza anche degli incroci, ora molto pericolosi, con Strada dei Boschi, che conduce a Polignano, e via Bodrio, che collega con la Provinciale la parte nord dell’abitato di Monticelli e l’area ecologica di Isola Serafini”.

“Nella zona, malgrado le continue rimostranze dei residenti e le numerose raccolte di firme, non vi sono, come a Roncaglia, Fossadello e Caorso, semafori ed autovelox, vi è solo un dissuasore collocato alcuni anni fa ma dimostratosi, però, inefficace a ridurre la velocità”.

Vista la situazione ed essendo la strada di competenza provinciale, Lunni ha presentato un’interrogazione in Provincia in cui si chiede “quali siano gli interventi che, in accordo con l’amministrazione comunale, si intende mettere in atto per ridurre la velocità senza, però, compromettere la scorrevolezza e percorribilità della via e se, al fine di mettere in sicurezza i veicoli che si immettono sulla Provinciale o svoltano in direzione via Bordio e Strada dei Boschi, si intenda valutare la possibilità di creare corsie preferenziali”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.