Malore sul Monte Carevolo, soccorso e trasportato a Parma

L'uomo, un sessantaduenne, stava percorrendo la Lunga Marcia GAEP: è stato recuperato dal Soccorso Alpino e trasferito in eliambulanza all'ospedale Maggiore

Più informazioni su

Nella mattina di domenica 28 Maggio, la Stazione “Monte Alfeo” del Soccorso Alpino di Piacenza è intervenuta in aiuto di un escursionista colto da malore, sulle pendici del Monte Carevolo, nel comune di Ferriere, sull’appennino piacentino.

L’uomo, un sessantaduenne residente a Piacenza ma originario dell’appennino Parmense, era in compagnia di amici e stava percorrendo la Lunga Marcia GAEP, storico appuntamento escursionistico delle alte valli piacentine; nel sentiero immerso nel bosco, a quota 1350 metri di altitudine, poco prima della sommità del monte Carevolo, lo sfortunato escursionista partito insieme a tantissimi altri dal Passo del Mercatello, ha accusato un malore.

Affaticato, è stato posizionato all’ombra  dagli amici e da un medico che casualmente partecipava alla manifestazione. L’evento è però stato notato da un tecnico del Soccorso Alpino che transitava in quel momento lungo il tratto di sentiero, attivando così via radio i colleghi che presidiavano la manifestazione con base mobile al Mercatello e con un posto di assistenza avanzato sulla vetta del Carevolo.

Subito sono giunti sul posto due tecnici che hanno predisposto il trasporto dell’uomo verso valle, mentre un’altra squadra del SAER e l’ambulanza della CRI piacentina (con medico a bordo) si avvicinavano lungo il tratto di sentiero carrozzabile.

L’uomo, valutato dai sanitari, è quindi stato dapprima imbarellato e poi trasportato al passo del Mercatello, dove è sopraggiunto l’elisoccorso di Parma, che ha provveduto al trasporto all’Ospedale Maggiore del capoluogo emiliano.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.