PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Premiati a Bologna i nuovi otto Maestri del Lavoro piacentini FOTO foto

Insigniti delle Stelle al Merito Alberto Molinari, Paolo Campolunghi, Fabrizio Bancone, Fabio Corbellini, Roberto Pozzi, Attilia Jesini, Stefano Rossi, Giuseppina Caravaggi

Più informazioni su

Sono otto i nuovi maestri del lavoro di Piacenza insigniti il 1° Maggio a Bologna delle Stelle al Merito: Alberto Molinari, Paolo Campolunghi, Fabrizio Bancone, Fabio Corbellini, Roberto Pozzi, Attilia Jesini, Stefano Rossi, Giuseppina Caravaggi.

Hanno accompagnato i nuovi maestri piacentini a Bologna il Console provinciale Roberto Girasoli, il Console Emerito Aldo Tagliaferri, il Segretario provinciale Emilio Marani e il Tesoriere Sergio Caccialanza .

LA CERIMONIA – L’inno di Mameli, un filmato della Cineteca  di Bologna del 1908 relativo alla produzione di cappelli di paglia di Firenze e un breve saluto del prefetto Ennio Mario Sodano hanno preceduto la consegna delle “Stelle al merito del lavoro”. Una cerimonia nel segno della sobrietà quella che si è svolta nell’Aula Magna S. Lucia dell’Università di Bologna – Alma Mater Studiorum.

La Stella al merito del lavoro è un’onorificenza conferita dal Presidente della Repubblica a cittadini italiani, dipendenti di imprese pubbliche o private, che in almeno 25 anni di esperienza professionale, si siano distinti per laboriosità e integrità personale.

La cerimonia di consegna per i residenti nel Lazio è avvenuta al Quirinale da parte del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nel resto d’Italia nei capoluoghi di Regione da parte del Prefetto in rappresentanza del Governo.

A Bologna quest’anno sono stati 97 i nuovi Maestri del Lavoro Emiliano-Romagnoli, che si aggiungono ai quattromiladuecento insigniti dal dopoguerra ad oggi.

Unitamente al Prefetto hanno partecipato alla consegna delle onorificenze le seguenti autorità: Il Consigliere Regionale dott. Antonio Mumolo, il Vice Sindaco di Bologna prof.ssa Marilena Pillati, il dirigente dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro dott. Alessandro Millo, il rappresentante della C.C.I.A.A. di Bologna dott. Franco Baraldi, il Vice Presidente  del gruppo Emiliano Romagnolo Cavalieri del Lavoro ing. Romano Volta  e la Console Regionale dei Maestri del Lavoro Alessandra Castelvetri  

Al termine della cerimonia, gli insigniti, unitamente ai familiari, si sono ritrovati per essere festeggiati nel corso di un pranzo conviviale presso l’Hotel Savoia.

Nella foto di gruppo da sinistra: Alberto Molinari, Paolo Campolunghi, Fabrizio Bancone, Fabio Corbellini, Roberto Pozzi, Emilio Marani (Segretario provinciale))Attilia Jesini, Aldo Tagliaferri (Console Emerito) Stefano Rossi, Sergio Caccialanza (Tesoriere) Giuseppina Caravaggi, Alessandra Castelvetri (Console Regionale) Roberto Girasoli (Console Provinciale)

I PROFILI DEI PREMIATI

BANCONE FABRIZIO, nato a Milano il 27/08/1966, dipendente di Aranci Srl di Piacenza dal 1/09/1986 a tutt’oggi, 30 anni di servizio, Operaio Specializzato Tornitore. Il sig. Bancone Fabrizio ha dimostrato fin da subito di essere una persona seria, puntuale e volenterosa, un esempio per i colleghi.

Ha iniziato la carriera come apprendista tornitore e utilizzatore macchine utensili e a tutti i giovani colleghi ha trasmesso con passione le sue competenze tecniche e i valori che lo contraddistinguono. L’azienda ha subito negli anni diverse trasformazioni, la più importante delle quali è stata la cessione dell’impresa a seguito della morte del padre Pietro, morto improvvisamente, al figlio Sandro da pochi anni in Azienda.

E in quel delicato frangente il sig. Bancone si è particolarmente contraddistinto e impegnato nel mettere a disposizione dell’azienda le sue conoscenze in ambito tecnico e la sua professionalità, risultando così un elemento indispensabile al fine di permettere una continuità lavorativa.

Grazie alla consolidata esperienza in questo campo, legata alla memoria storica della produzione, il Sig. Bancone Fabrizio è stato un punto fondamentale nello studio e nella produzione di nuovi prodotti.

In collaborazione con il titolare ha studiato e realizzato innovativi componenti a valvole quali: valvola di fondo, valvola a farfalla, valvola a sfera, valvola di sicurezza, boccaporti che hanno permesso a Aranci srl Unipersonale di essere conosciuta in Italia e in tutta Europa per l’eccellenza dei suoi prodotti.

Inoltre grazie al contributo del sig. Bancone Fabrizio l’azienda ha ottenuto la conformità dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, Dipartimento per i trasporti e la navigazione,  per la produzione di valvole di equipaggiamento di servizio per cisterne destinate al trasporto ADR.

CAMPOLUNGHI PAOLO, nato a Piacenza il 30/07/1965, dipendente di Impresa Cella Gaetano S.r.l. Costruzioni edili di Piacenza dal 1/04/1987, 30 anni di servizio, assunto in qualità di assistente tecnico di cantiere, attualmente è Direttore tecnico Responsabile di Cantiere.

Alle indiscusse competenze tecniche, continuamente aggiornate, il candidato abbina un senso di appartenenza professionale unico, apprezzato dai colleghi e dai superiori, nonchè doti morali ed umane che ne hanno fatto apprezzare la generosità, la correttezza e la trasparenza in ogni ambito applicativo. Con le sue conoscenze tecniche e la disponibilità personale il geom. Campolunghi è diventato un punto di riferimento sia all’interno sia all’esterno dell’azienda, per le competenze maturate durante la sua attività lavorativa.

Il candidato, in qualità di direttore tecnico di impresa e di responsabile di cantiere, annovera molteplici interventi volti al recupero ed alla riqualificazione di fabbricati vincolati dalla soprintendenza ai beni paesaggistici ed architettonici, volti alla riconversione di edifici dismessi, con un’attenta sensibilità al rispetto delle caratteristiche storiche ed ambientali degli immobili interessati.

Trattasi di attività nella quale le maggiori innovazioni e modernizzazioni ineriscono alla natura stessa del processo lavorativo. In tal senso il geom. Campolunghi ha implementato sin dagli anni ’90 importanti semplificazioni e miglioramenti nell’attività sia di controllo di gestione del cantiere, sia di contabilizzazione industriale dei lavori attraverso l’uso di software specialistici quali “primus”, “certus”, il cui utilizzo fu in buona parte introdotto in azienda proprio dal candidato.

Il candidato ha contribuito alla costante crescita dei processi di installazione di materiali innovativi ed ecocompatibili. a titolo esemplificativo si richiamano le conduzioni tecniche svolte nell’ultimo biennio per la realizzazione di un asilo, del palazzetto dello sport nel comune di Castell’Arquato (PC) e della palazzina residenziale acer nel comune di Fiorenzuola d’Arda (PC).

In particolare si è proceduto a realizzare strutture interamente lignee dalle elevate prestazioni energetiche, dotate di installazioni impiantistiche per la quasi totalità rinnovabili, quali ad es. le pompe di calore, i pozzi geotermici, gli impianti fotovoltaici, le cucine ad induzione elettrica, gli impianti di illuminazione a led. In conclusione, il geom. Campolunghi ha contribuito fattivamente ad accrescere in azienda la cultura rivolta all’utilizzo ed alla corretta installazione di materiali innovativi, efficienti ed ecosostenibili, dando prova di competenza e conoscenza proprio attraverso le citate realizzazioni.

Il candidato si occupa da anni del coordinamento e della supervisione tecnica del personale di cantiere e dei preposti, oltre ad avere svolto lo specifico affiancamento dei neo-assunti in impresa. In particolare egli ha svolto una costante attività di controllo e di sensibilizzazione al corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale e dei presidi provvisionali di sicurezza. in tale ambito ha ricoperto il ruolo di responsabile della sicurezza d’impresa nei lavori svolti e diretti per conto dell’impresa medesima”.

CARAVAGGI GIUSEPPINA, nata a Calendasco (PC) il 29/12/1955, dipendente di M.E.P. di Corsi Enrico & C. snc di   San Nicolò a Trebbia di Rottofreno (PC) dal 1/07/1974 al 31/12/2015, pensionata dal 1/01/2016,  Impiegata addetta alle vendite.

La sig.ra Caravaggi ha dedicato tutta la sua vita lavorativa all’azienda, dal termine degli studi superiori al pensionamento. Inizia a 16 anni presso l’ufficio contabilita’ e durante i suoi quasi 42 anni di lavoro assiste a tutti i cambiamenti aziendali, occupandosi in maniera esemplare, attiva e propositiva di tutta la contabilità aziendale.

Grazie alla sua intraprendenza, la sig.ra Caravaggi ha appreso ed applicato tutte le innovazioni fiscali a partire dal 1983, anno in cui ha voluto rinnovare il settore informatizzando la contabilità aziendale. Da questo momento la candidata si è prodigata per informatizzare anche il settore commerciale dell’azienda, e, grazie alla conoscenza personale della materia, pervenire all’informatizzazione di tutta la gestione del settore vendite.

La sig.ra Caravaggi ha dedicato tutta la sua vita lavorativa all’azienda.  Il suo continuo interessamento al settore ceramico le ha consentito di approfondire la conoscenza dei prodotti e delle fasi di lavorazione, apportando il suo fattivo contributo anche nell’applicazione delle misure di sicurezza.

La candidata e’ stata il punto di riferimento professionale ed umano di tutti i collaboratori, in particolare i più giovani, i consulenti e le maestranze dell’azienda, aiutando dette figure a rapportarsi nel miglior modo possibile con la realtà aziendale e ad adattarsi agli innumerevoli cambiamenti del settore.

CORBELLINI FABIO, nato a Ponte dell’Olio (PC) l’11/09/1963, dipendente di Rebecchi F.lli Valtrebbia SpA di Rivergaro (PC) dal 5/03/1982 a tutt’oggi, 35 anni di servizio, Impiegato Tecnico.Il candidato ha svolto l’intera carriera all’interno dell’Azienda. Assunto nel 1982 come apprendista magazziniere ed autista,  dopo appena sei mesi, grazie alle doti organizzative e professionali, il sig. Corbellini è stato promosso al quarto livello.

Dopo quattro anni di lavoro il candidato ha dimostrato di saper gestire e programmare l’intero processo produttivo aziendale, tanto da essere promosso impiegato tecnico al secondo livello contrattuale e, dal 2015, al primo livello. La direzione dell’azienda ha inteso così premiare l’impegno e la dedizione al lavoro che il sig. fabio ha sempre dimostrato, nonostante lunghi periodi di malattia lo abbiano costretto ad assentarsi.

Oltre alle doti professionali ed alla forte motivazione, il sig. Corbellini si è distinto per le qualità morali e relazionali, che gli hanno consentito di svolgere in maniera eccellente i propri compiti, instaurando un clima di perfetta collaborazione e di sintonia con i colleghi e creando un ambiente di lavoro sereno e proficuo. La sua dedizione al lavoro è stata tale che, benchè assente per malattia, il sig. Corbellini ha continuato a mantenersi in contatto con i sostituti, coordinandoli e supportandoli a distanza.

Nel corso della sua carriera il sig. Corbellini ha ampiamente dimostrato di saper aggiornarsi e stare al passo con i processi di cambiamento richiesti in azienda. Il candidato ha partecipato attivamente ai “processi di sistema con radiofrequenza” del magazzino, impegnandosi per ottimizzare la logistica e la distribuzione, ha espletato un ruolo fondamentale nell’automazione dei processi produttivi, ha affiancato la direzione nelle scelte basilari per l’azienda, quali ad esempio l’acquisto di nuovi macchinari  e la creazione di nuove linee produttive.

Il candidato, lavorando sia in autonomia, sia con i fornitori, ha saputo instaurare  un rapporto costruttivo con la clientela durante le fasi di consegna delle merci, oltre ad avere pianificato ed organizzato le piattaforme di distribuzione nei diversi territori, mantenendo il diretto rapporto con gli autotrasportatori dalla fase di ritiro delle merci in fabbrica alla consegna delle stesse nei punti vendita. 

In qualità di rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, il candidato ha attivamente partecipato all’organizzazione dei corsi in materia di sicurezza, interagendo con gli uffici per la messa in sicurezza dei reparti.

Si sottolinea che le non comuni doti professionali e relazionali del candidato gli hanno consentito di instaurare con i collaboratori un costruttivo clima di fiducia, oltre che di reciproca stima e rispetto anche in questo specifico settore.

JESINI ATTILIA, nata a Londra (GB) il 29/06/1960, dipendente di Confindustria Piacenza dal 1 luglio 1992 come impiegata, diventa quadro dell’Associazione cinque anni dopo, nel luglio 1997, e dal 1/1/2000 è dirigente. Complessivamente 30 anni di servizio. La dott.ssa Jesini ha una grande professionalità, irreprensibilità e capacità organizzativa.

La candidata nel 2008 è stata posta alla conduzione della società di servizi di Confindustria Piacenza che, a tale data, per problemi vari, presentava una situazione economica ed amministrativa molto difficile. Con una conduzione molto attenta e con una serie di accorgimenti, la società, oggi, oltre ad essere tornata in bonis, produce utili. La Candidata si è inoltre dedicata con molta attenzione e cura alla crescita professionale dei neo assunti che nel corso della carriera le sono stati affidati, rendendoli autonomi nell’espletamento dei loro compiti professionali ed esperti della materia.

Negli ultimi due anni la dott.ssa Jesini è stata nominata Vice-Presidente della società “La Faggiola” e anche in tale caso ha proceduto al risanamento della società e al suo rilancio. La dott.ssa Jesini inoltre, per diversi anni, ha fatto parte della Giunta della Camera di Commercio di Piacenza ed anche in tale circostanza non ha mancato di apportare il suo prezioso contributo per il benessere della società. 

MOLINARI ALBERTO, nato a Castel S. Giovanni (PC) l’8/04/1958, dipendente di ENELSpA, ora ENEL PRODUZIONE SpA dal 6/08/1979 a tutt’oggi, dapprima in qualità di impiegato e quindi, dal 1/10/1999 viene promosso Quadro.

Complessivamente 37 anni di servizio. Il sig. Molinari, estremamente competente e fortemente legato ai valori dell’azienda, è un modello di coerenza per i colleghi e, grazie al grado di professionalità maturato, costituisce un riferimento tecnico importante per l’intero gruppo di lavoro.

Per le sue qualità e per la sua ineccepibile condotta morale, ha saputo conquistare la stima e la fiducia dei collaboratori, dei colleghi e dei suoi superiori.  

Il sig. Molinari ha avuto modo di maturare una solida esperienza, esprimendo le sue elevate competenze in numerose attività e progetti che ne hanno fatto un riferimento aziendale per la promozione di soluzioni ed iniziative su aspetti sia tecnici, sia gestionali.Ha collaborato nella diffusione della cultura dell’efficienza nella gestione operativa degli impianti, a partire dal risparmio delle materie prime sino all’ottimizzazione delle fasi di utlizzo, curandone anche gli aspetti di adeguamento tecnologico in campo ambientale.

La sua dedizione e rigore nei comportamenti, il suo senso di appartenenza aziendale, unitamente alla elevata professionalità, gli  hanno consentito il raggiungimento degli obiettivi prefissati, giudicati importanti sia per l’economicità di gestione di processi a lui affidati, sia per la salvaguardia della sicurezza del personale posto sotto il suo coordinamento.

Il sig. Molinari durante la sua attività lavorativa ha inolre affiancato numerosi giovani neo assunti, ricoprendo un ruolo determinante nel loro percorso di crescita.

Nel tempo libero il sig. Molinari è impegnato nel sociale, è membro attivo dei gruppi scout locali e collabora alle iniziative dell’AVIS partecipando anche al Consiglio direttivo locale. Inoltre ha avuto anche un’esperienza politica nell’amministrazione del comune di residenza con l’incarico di assessore e di presidente del Consiglio Comunale.

POZZI ROBERTO, nato a Pecorara (PC) il 23/08/1947, dipendente di Safta Spa di Piacenza dall’8/08/1968 al 31/12/2007, 39 anni di servizio. Direttore di Produzione, in pensione dal 1/1/2008.

Il sig. Pozzi Roberto  è entrato nella società nell’agosto del 1968 approfondendo la conoscenza delle tecnologie aziendali, apprendendo l’uso dei sistemi informativi ed acquisendo sempre nuove competenze tecniche.

Nel 1974 avviene il passaggio a Capo Reparto per poi approdare al ruolo di Capo Servizio dei reparti Stampa, Accoppiamento e Taglio con la qualifica di Quadro nel 1989. Nel 1997 assurge al ruolo di Responsabile di Controllo e Assicurazione Qualità in qualità di Dirigente.

Conclude la sua carriera come dipendente Safta a Direttore di Produzione, poco prima di andare in pensione. Il sig. Roberto ha sempre dimostrato una grande passione dello svolgimento del suo lavoro che lo ha portato a sviluppare un’ampia gamma di competenze e a svolgere ben presto ruoli di responsabilità.

Ha sempre saputo rimanere al passo con le nuove sfide e con le nuove tecnologie e processi diventando un punto di riferimento, profondo conoscitore della complessità delle attività produttive in azienda, senza mai perdere di vista la formazione, il miglioramento delle condizioni di lavoro e la sicurezza operativa di tutti i dipendenti. Il sig. Pozzi è andato in pensione nella data del 1 gennaio 2008 ma ha continuato a collaborare con l’azienda Safta in qualità di Consulente.

Negli anni il candidato ha sviluppato notevoli competenze interessandosi delle varie fasi di lavorazione. Il suo compito è stato quello di partecipare costantemente allo studio e alla realizzazione di nuove tecnologie per i processi aziendali. Alla fine dell’anno 2007 porta a termine importanti progetti di rinnovo del sistema produttivo.

Il sig. Roberto ha inoltre riservato grande attenzione alla formazione delle nuove leve sia sull’aspetto della sicurezza sia sulla sensibilizzazione all’etica aziendale anche con corsi specifici e dedicati. La crescita professionale è aumentata fino alla qualifica di Dirigente con la mansione di Direttore di Produzione, prediligendo la formazione il miglioramento delle condizioni di  lavoro e la sicurezza operativa di tutti i dipendenti.

Da anni la società apprezza le preziose competenze tecniche ed il costante impegno cui si sono aggiunti sempre proficui risultati, non solo operativi ma di organizzazione del lavoro ed addestramento dei collaboratori. 

ROSSI STEFANO, nato a Piacenza il 16/02/1963, dipendente di F.lli Savi di Savi Dario & C. snc di Calendasco (PC) dal 6/01/1983 a tutt’oggi, 34 anni di servizio, da operaio addetto al taglio Responsabile di reparto. Il sig. Rossi viene assunto in data 06/01/1983 presso la Ditta F.lli Savi di Savi Dario & C. s.n.c., in qualità di operaio generico è tuttora in servizio con la qualifica di Responsabile di reparto  taglio/piega.

Il sig. Stefano durante l’intero periodo alle dipendenze di questa azienda, ha sempre mantenuto una condotta esemplare, dimostrandosi un lavoratore irreprensibile, meticoloso, preciso e puntuale. Ha sempre dimostrato un profondo attaccamento al suo impiego e un forte senso di responsabilità non trovandosi praticamente mai assente in oltre 33 anni di lavoro.

L’esperienza maturata lo ha portato a conoscere a fondo i rischi della professione e a trasmettere questa conoscenza ai colleghi, dando così un’importante aiuto a rispettare le norme di sicurezza. Trasmette inoltre la sua professionalità ai nuovi dipendenti che gli vengono di volta in volta affidati e si dimostra un importante aggregatore nei rapporti con i colleghi.

L’esperienza maturata nel settore taglio/piega e calandratura fanno del sig. Stefano un punto di riferimento importante per la ditta, una figura affidabile alla quale chiedere consigli e pareri sulle nuove lavorazioni da effettuarsi in ditta. Il ruolo lavorativo di responsabilità che ricopre attualmente e la gestione a lui affidata del reparto macchine a controllo numerico sono la dimostrazione di una carriera lavorativa in costante crescita.

Il sig. Stefano ha dato importanti consigli per ridurre al minimo gli sfridi di lavorazione e gli spostamenti manuali dei pezzi che, oltre ad essere causa di perdite di tempo e rallentamenti nel ciclo produttivo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.