Quantcast

San Vincenzo, partono i lavori “Sarà un collegio 4.0” LE FOTO foto

Al termine di una complessa e lunga vicenda amministrativa, partono finalmente i lavori per la riqualificazione del Collegio San Vincenzo di Piacenza

Più informazioni su

Al termine di una complessa e lunga vicenda amministrativa, partono finalmente i lavori per la riqualificazione del Collegio San Vincenzo di Piacenza

“Sarà un collegio 4.0, in grado di ospitare studenti e docenti in maniera flessibile, con aule, una mensa e altre strutture a disposizione di tutta la città, in pieno centro storico”.

Così hanno raccontato gli amministratori, presenti insieme al presidente dell’Asp Morigi De Cesaris (a cui la struttura verrà concessa dal Comune di Piacenza per 30 anni) Roberto Rebessi, nel cortile del collegio, in occasione della presentazione degli interventi che inizieranno nel mese di giugno.

Ad aggiudicarsi l’appalto da oltre 4 milioni e mezzo di euro, con i fondi giunti dal Governo, le ditte piacentine Edilstrade e Cella, con una riduzione del 12 per cento dell’importo di gara.

Rebessi ha ricordato che la vicenda del finanziamento ottenuto viene da lontano, dal 2011, quando l’amministrazione comunale di Roberto Reggi e l’azione della allora parlamentare Paola De Micheli permisero di ottenere l’importante finanziamento dal Ministero.

“I risultati di questo lavoro di squadra si vedranno fra due anni, quando la struttura sarà a disposizione della città”. I lavori si svolgeranno in due tranche e nell’arco di 12 mesi una parte della struttura potrebbe già essere fruibile. Il parcheggio interno al collegio verrà rimpiazzato da un giardino e da un’area pubblica.

Il sindaco Paolo Dosi ha sottolineato il valore urbano della ristrutturazione: “Ci ricordiamo come era questo comparto fino a qualche anno fa, abbiamo iniziato con la scuola e con la sala teatini, ora si completa la riqualificazione di tutta la zona, non solo per la nuova residenza universitaria, ma anche con l’intero rilancio del comparto.

Con il nuovo San Vincenzo poniamo basi importanti nell’accoglienza universitaria che vorremmo sempre più strategica in funzione di una proposta culturale ed educativa alta della nostra città”.

Il sottosegretario all’Economia Paola De Micheli ha ricordato la legge dello Stato che ha consentito di portare a Piacenza i 4,5 milioni di euro per la riqualificazione: “E’ la numero 338 è una legge importantissima perché finanzia tutti i bandi dell’accoglienza universitaria, ed è importante ricordarlo perché ogni tanto c’è una legge fatta bene.

Ho toccato con mano, anche in occasione del recente terremoto in centro Italia, come il tema dell’accoglienza di qualità sia determinante per consolidare la dimensione universitaria delle città.

Quella scelta di allora per Piacenza si rivelò vincente e lo vedremo quando questa struttura sarà conclusa, perché la rete dei servizi è fondamentale da offrire agli studenti. E investire sul sapere è fondamentale per il futuro della nostra città. Una scelta viva fatta nella perfetta armonia di tutti livelli istituzionali”.

Il vicesindaco Franco Timpano ha specificato la natura dell’offerta di accoglienza universitaria che si troverà nel rinnovato S. Vincenzo: “Con un’attenzione particolare alle nuove forme di mobilità accademica, con maggiore flessibilità. Siamo in centro storico e questo collegio servirà anche al conservatorio e al Politecnico. Al suo interno sarà presente un’offerta polifunzionale con una mensa e ampi locali di studio, Insomma sarà un collegio 4.0”.

LA SCHEDA

INIZIANO LE ATTIVITA’ PER IL RECUPERO DELL’ EX COLLEGIO SAN VINCENZO
 
Si è conclusa nei giorni scorsi la gara per l’aggiudicazione delle “Opere di risanamento conservativo e recupero funzionale del complesso denominato “ex Collegio San Vincenzo” in Piacenza per ricavare alloggi e residenze per studenti universitari”.
Con la determinazione del Direttore dell’ASP Collegio Morigi – De Cesaris, Eugenio Silva, Responsabile Unico del Procedimento è stata fatta l’aggiudicazione definitiva dei lavori all’ATI che ha ottenuta il miglior punteggio del bando.
 
 
All’ASP Collegio Morigi – De Cesaris, nel 2011 il Comune di Piacenza aveva deliberato di affidare per trent’anni con diritto di superficie l’ex Collegio San Vincenzo con lo scopo di un recupero funzionale per ricavare alloggi e residenze per studenti universitari.
L’ASP, che ha personalità giuridica di diritto pubblico ed è dotata di autonomia statutaria, gestionale, patrimoniale, contabile e finanziaria e non ha fini di lucro ha potuto partecipare nel 2011 al bando del MIUR per il cofinanziamento per interventi per alloggi e residenze per studenti universitari ai sensi della legge 14 novembre 2000, III bando della Legge n. 338/2000.
Nel luglio del 2011 è stato quindi presentato a Roma il progetto definitivo per trasformare l’immobile, ex Collegio San Vincenzo, di proprietà del Comune in una nuova residenza per studenti universitari. Il progetto è stato ammesso a partecipare al bando, ma trattandosi di una graduatoria a “scorrimento” questo ha portato ad un lungo periodo di attesa.
In data 10 giugno 2015 con atto della dirigente del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, Dott.ssa Luisa De Paola, è stato comunicato alla direzione del Collegio Morigi l’ammissione definitiva al cofinanziamento ministeriale nell’ambito del III bando della Legge n. 338/2000.
Per il cofinanziamento da parte dell’ASP è stato presentato il valore dell’immobile ed il MIUR ha quindi messo a disposizione per la sola ristrutturazione dell’edificio l’importo complessivo di 4.520.000 euro.
Il 13 settembre 2016 è stata firmata a Roma, da parte dell’Arch. Alessandro Iazeolla, funzionario della Cassa Depositi e Prestiti per conto del MIUR, e dell’Ing. Roberto Rebessi, Amministratore Unico dellASP Collegio Morigi – De Cesaris, la convenzione relativa al finanziamento per la realizzazione delle opere previste nel progetto esecutivo presentato dall’ASP.
 
IL PROGETTO ESECUTIVO
Ottenuto il parere favorevole da parte del MIUR L’ASP Morigi De’ Cesaris si è attivata, attraverso bando pubblico ad individuare il gruppo di progettisti a cui affidare il delicato incarico di trasformare il progetto definitivo in esecutivo, da presentare prima al MIUR per la definitiva approvazione ed infine da porre a bando di gara per l’affidamento dell’appalto dei lavori.
Si è così venuta a formare la squadra composta da ingegneri e architetti per realizzare la progettazione definitiva architettonica, statica e antisismica, impiantistica termotecnica e idraulica, elettrica e degli impianti speciali. I professionisti per alcuni mesi hanno lavorato alacremente gomito a gomito per portare a termine il progetto esecutivo.
L’edificio è sottoposto al vincolo della Soprintendenza per i Beni Ambientali e Architettonici è stato quindi necessario ottenere il parere favorevole al progetto definitivo ed è in fase di approvazione quello esecutivo.
Così come sono stati  ottenuti i pareri favorevoli da parte del Comune e dei VVF.
 
Il Progetto esecutivo prevede alloggi per un totale di 92 posti. Si differenzia in due edifici separati e distinti.
In quello posto su Via San Vincenzo saranno ricavati oltre agli alloggi, una mensa, sale studio, sale riunioni e spazi comuni di socializzazione compresa una cucina di piano a disposizione degli studenti. Al secondo piano gli ospiti avranno a disposizione un’ampia terrazza con una bella vista sui tetti del centro storico della città otre ad un ampio salone che potrà essere anche utilizzato per eventi pubblici.
La porzione posta su Via G. Landi sarà destinata a mini alloggi che potranno ospitare sia studenti che docenti ed in generale gli ospiti saranno principalmente persone che avranno una breve permanenza a Piacenza, non per l’intera durata degli studi.
In questa ala è stata ricavata anche una piccola palestra ed uno spazio che potrà essere destinato ad attività didattiche.
Tutti gli spazi saranno fruibili anche da persone con disabilità, grazie all’utilizzo di ascensori e dove non possibile utilizzando dei montascale. Tutti i locali saranno riscaldati con un moderno impianto di teleriscaldamento e raffrescati nel periodo estivo. La rete internet sarà garantita in tutti i locali da una veloce rete wifi e la sicurezza oltre a sistemi di rilevamento potrà essere ulteriormente garantita tramite sistema con avviso vocale.
All’interno del complesso verrà realizzato un ampio giardino partendo dai sei platani esistenti ed integrandolo con l’architettura dell’antico complesso monastico. Nel cortile sarà messo a disposizione degli ospiti un adeguato parcheggio per biciclette.
 
In fase di progettazione si è tenuto aperto il dialogo che le Università ipotizzando, in fase operativa di potere dare la disponibilità di alcuni locali per incontri, lezioni o conferenze. La mensa, che sarà gestita da un soggetto autonomo dal Collegio, potrà essere utilizzata anche da studenti esterni che gravitano nel centro città.
Anche la palestra, concordando gli orari, potrà essere utilizzata anche da altri soggetti oltre che dagli ospiti del collegio.
 
Il progetto è stato consegnato al MIUR che lo ha valutato e approvato definitivamente.
L’ASP Morigi De Cesaris ha emesso un bando pubblico per l’affidamento dell’esecuzione di tutti i lavori e le forniture necessari per la realizzazione dell’intervento. La procedura scelta per l’aggiudicazione è stata quella con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, secondo il nuovo codice degli appalti e dove è stato dato il maggior punteggio a favore dell’aspetto tecnico delle offerte riservando poi al valore economico una percentuale minore.
 
Una volta emesso il bando, sono stati adempiuti tutti i passi necessari secondo la procedura con sopralluogo della struttura da parte di oltre quaranta aziende. Dopo di che sono state consegnate nei termini temporali previsti 25 offerte. Ultimate le verifiche amministrative da parte del Responsabile Unico del Procedimento è stata nominata la commissione esaminatrice e valutatrice delle offerte composta da tecnici delle pubbliche amministrazioni, Comune di Piacenza e AUSL di Piacenza.
 
A breve inizieranno poi lavori che avranno una durata complessiva di circa ventiquattro mesi. 
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.