Quantcast

Elezioni social, i commenti dei candidati su Facebook e Twitter

La campagna elettorale a Piacenza si è giocata in buona parte sui social. Proprio a Facebook e Twitter i candidati hanno affidato soddisfazioni e delusioni dopo il risultato alle urne. 

La campagna elettorale a Piacenza si è giocata in buona parte sui social. Proprio a Facebook e Twitter i candidati hanno affidato soddisfazioni e delusioni dopo il risultato alle urne. 

La candidata del centrodestra Patrizia Barbieri, in testa con il 34,8% di preferenze, si prepara al ballottaggio contro il rappresentante del centrosinistra Paolo Rizzi (28,2%). 

“Grazie a tutti, questa è solo la prima tappa – scrive Barbieri su Facebook e Twitter -. Adesso lavoriamo ancora con maggior forza per dare a Piacenza il cambiamento che vuole”. 

Il candidato surrealista Stefano Torre (4,3%) prima esprime soddisfazione per il risultato ottenuto, poi ammette di non aver raggiunto l’obiettivo della poltrona da consigliere comunale. Alle 11 TorreSindaco scrive: “Ho fatto le simulazioni e sono stato eletto in ogni caso, sia che vinca Pablo Rizzi, sia che vinca Patrizia Barbieri! è un risultato storico, impossibile da realizzare per tutti ma non per #torresindaco … che ormai ha vita propria!”.

Salvo poi fare dietrofront alle 13. “Purtroppo ragazzi, da una verifica dei voti più attenta, siamo fuori … – scrive su Facebook – nel caso di vittoria della Barbieri di 70 voti, e nel caso di vittoria di Rizzi per 146! ….. che dire, abbiamo comunque vinto, ma la delusione è forte”.

Massimo Polledri, Lega Nord, è il più votato tra i consiglieri del centrodestra. “Grazie a tutte le persone che mi sono state vicino, gli amici e i fratelli che mi hanno sostenuto in questa campagna elettorale. Abbiamo portato la Lega Nord Padania a primo partito del centrodestra (12,9%), nel quale sono risultato il più votato con 383 preferenze. Ora l’ultimo sforzo fino al 25 giugno: tutti uniti per Patrizia Barbieri sindaco. Ci sarò ieri, ci sono oggi e ci sarò domani. Il mio cuore batte ancora forte per Piacenza!” scrive su Facebook.

Erika Opizzi (Fratelli d’Italia – An) scrive sul suo profilo personale di Facebook “Grazie a tutti! Ad ogni tornata elettorale siete sempre di più! Ora andiamo a prenderci Piacenza”.

“Amici, ci ho provato e rifarei tutto, perché è stata davvero una bella esperienza – scrive su Facebook Nereo Trabacchi, candidato nella lista civica a sostegno di Massimo Trespidi -. Sono orgoglioso dell’importante risultato personale raggiunto grazie alle 129 persone che hanno scritto il mio nome sulla scheda elettorale e alle quali voglio esprimere tutta la mia gratitudine, dispiaciuto di non poterli rappresentare, ma onorato della loro fiducia. Sperando di poterlo esprimere presto di persona, vi mando il mio grazie, grazie di cuore. Nereo”.

“Grazie! 186 volte più una sessantina di preferenze annullate (Porca T****)  – commenta su Facebook Marco Colosimo, candidato nella lista dei Giovani per Trespidi -. È stato bellissimo, talvolta emozionante sedersi fra i banchi del Consiglio Comunale ma questa volta non sarà possibile ripetersi. Faccio parte del secondo partito della città e questo mi rende fiero della mia scelta. Non essere eletto è solo un piccolo rammarico. Come sempre, ho dato il Massimo. Ancora Grazie per la fiducia ragazzi. Non mi fermo, sono già pronto per una nuova avventura!”.

“Grazie di cuore a tutte le 379 persone che hanno deciso di riporre in me la loro fiducia – scrive Giulia Piroli, candidata lista Pd -. La sfida era chiara: mettere da parte gli slogan e raccontare le azioni concrete intraprese per Piacenza. Ci siamo riusciti, ma ora bisogna andare fino in fondo: portate amici, conoscenti e parenti a votare per il ballottaggio del 25 giugno, e ovviamente a scegliere Paolo Rizzi come sindaco di Piacenza!”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.