“Furbetti” in Comune, la Uil: “Come mai nessuno si è accorto di nulla?”

Il sindacato "si riserva la facoltà di costituirsi parte civile ed auspica che la lezione serva a far capire una volta per tutte che fare i furbi non paga…anzi!"

Più informazioni su

Comunicato stampa di UIL Emilia e UIL FPL Emilia, a firma dei segretari Francesco Bighi e Gianmaria Pighi, sulla vicenda che ha coinvolto alcuni dipendenti comunali
 
Relativamente a quanto appreso dagli organi di stampa circa la vicenda che coinvolge 50 dipendenti del Comune di Piacenza accusati di aver tenuto comportamenti inqualificabili rispetto all’uso improprio del cartellino e di aver svolto attività personali in orario di servizio alcuni addirittura utilizzando mezzi del Comune, riteniamo essere banale o eccessivamente riduttivo affermare che chi ha sbagliato debba pagare.

Questo è fuori discussione, tuttavia, fatta salva la verifica, caso per caso, di quanto rilevato, pensiamo possa questa vicenda costituire solamente la punta di un iceberg e che sotto si possa nasconda qualcosa di più grande, in quanto 50 dipendenti sono tanti e ci si chiede come mai nessuno si sia mai accorto di nulla, a maggior ragione chi deputato a controllare il lavoro di queste persone, su cui grava altrettanta responsabilità.
 
Tuttavia va rilevato che alla stupidità umana a quanto pare non vi è un limite, atteso che vicende analoghe sono balzate alla ribalta della cronaca un po’ in tutto il contesto nazionale già da qualche anno e che su questi temi gli organi di controllo hanno posto riflettori grossi come una casa.

Semmai si stratta di un problema culturale forse tipicamente Italiano, su cui anche il sindacato ha responsabilità importanti, relativamente al quale bisogna intervenire, non solo prendendo le distanze da chi si rende colpevole di tali comportamenti illegittimi, che danneggiano anche chi il proprio lavoro lo fa e lo fa bene rappresentando per giunta un affronto rispetto a chi un lavoro non ce l’ha, ma anche con azioni concrete volte ad “educare” i lavoratori al rispetto delle regole e creare nell’ambito del pubblico impiego un meccanismo che tenda ad isolare e segnalare chi se ne approfitta, a partire dai colleghi con cui questi “furbetti” condividono gli uffici.

Ora però non si può certo dire che il comportamento di pochi danneggia i tanti bravi, considerato che 50 dipendenti non sono pochi (8% del totale del personale dipendente) ed in altre realtà il rapporto è stato anche più rilevante, strano è che certe vicende saltino fuori spesso in periodi particolari come per esempio quello delle elezioni amministrativi, recentemente conclusesi qui a Piacenza, oppure quello relativo alla riapertura dei tavoli di contrattazione nazionale per il rinnovo del contratto del pubblico impiego, atteso che in ogni caso quando la Procura si muove lo fa a ragion veduta e non certo improvvisandosi.

Lascia perplessi infine la dichiarazione dell’ex Assessore al Personale che candidamente confessa che c’era da aspettarselo, viene quindi da chiedersi perché non si è intervenuti fin da subito  come Amministrazione anziché  attendere l’intervento di qualcun altro, con le ulteriori gravi conseguenze che ne derivano.
 
Ad ogni modo come già pubblicamente espresso da questa organizzazione qualche mese fa, la UIL si riserva la facoltà di costituirsi parte civile ed auspica che la lezione serva a far capire una volta per tutte che fare i furbi non paga…anzi!
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.