Mappatura del polo logistico, Pc Expo incarica il mobility manager

Sarà la Fondazione Istituto sui Trasporti e la Logistica, si legge in una nota, a fornire un’analisi dello stato dell’arte dell’area industriale nell'ambito del progetto Apea

Più informazioni su

Nell’ambito del progetto Apea che insiste sulla zona industriale del Polo Logistico, Piacenza Expo, in qualità di soggetto gestore, ha espletato le formalità della gara per l’individuazione della figura di Mobility Manager che fornirà il servizio di assistenza tecnica.

Sarà la Fondazione Istituto sui Trasporti e la Logistica, si legge in una nota, a fornire un’analisi dello stato dell’arte dell’area industriale “Polo Logistico” contemplata nel progetto Apea, in particolare con la mappatura delle aziende insediate negli edifici esistenti, delle aree/immobili non locati, dei parcheggi esistenti e di altre aree di pertinenza.

Il lavoro comporterà poi l’analisi della valutazione qualitativa dell’area e dei fabbisogni infrastrutturali delle aziende insediate con una mappatura dei flussi delle auto private del personale impiegato ma anche dei flussi in attraversamento all’area.

L’incarico affidato dovrà essere portato a termine entro il 31 luglio 2019 con scadenze intermedie nei primi dodici mesi per gli incontri con gli operatori insediati e la mappatura dei servizi e delle infrastrutture che gravitano sull’area.

Un report dettagliato – viene spiegato nel comunicato – permetterà di caratterizzare la fase di ascolto e di coinvolgimento delle aziende insediate al fine di condividere le future azioni volte all’efficientamento energetico, al miglioramento della viabilità ed al miglioramento del sistema logistico piacentino.

“Un lavoro importante e necessario – si sottolinea da Piacenza Expo – che permetterà di conoscere ed integrare meglio la zona del Polo Logistico con la città, con i servizi urbani presenti e con le politiche di sostenibilità ambientale. Una lettura attenta del territorio che potrà rendere più efficace l’intervento degli amministratori locali tenendo in considerazione le necessità rilevate, la complessità della rete e l’impatto sui costi ambientali ed energetici”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.