Quantcast

“Più acqua dal Brugneto” La lettera dei sindaci della Val Trebbia

I primi cittadini dei comuni piacentini chiedono di aumentarre il rilascio per soddisfare il fabbisogno idrico della vallata non solo in relazione alle esigenze agricole

Più informazioni su

Siccità, i sindaci della Val Trebbia (Piacenza) uniti chiedono il rilascio immediato di acqua dalla diga del Brugneto, oltre i 4 milioni di metri cubi già annunciati dalla Regione

Ha raccolto l’adesione di tutti i comuni rivieraschi della Val Trebbia la lettera indirizzata alle istituzioni e promossa da Giampaolo Maloberti, agricoltore e allevatore della vallata, nonchè ex consigliere provinciale della Lega Nord.

I primi cittadini dei comuni piacentini chiedono di aumentarre il rilascio per soddisfare il fabbisogno idrico della vallata non solo in relazione alle esigenze agricole, ma anche per l’utilizzo civilo e turistico. Un fabbisogno che si avvicina ai 10 milioni di metri cubi d’acqua.

Di seguito il testo

CRISI IDRICA IN CORSO: RICHIESTA RILASCIO IMMEDIATO DI ACQUA DALLA DIGA DEL BRUGNETO – La lettera

Noi sottoscritti Sindaci dei Comuni della Val Trebbia vista la drammatica situazione di siccità che grava sui Comuni da noi amministrati, visto lo STATO DI EMERGENZA nel territorio delle province di Parma e Piacenza, in conseguenza della crisi idrica in atto, dovuta a un lungo periodo di siccità a partire dall’autunno 2016, aggravato dalle elevate temperature estive e dai rilevanti afflussi turistici che hanno determinato un considerevole aumento delle esigenze idropotabili, deliberato dal Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Paolo Gentiloni, con la presente siamo a chiedere l’immediato rilascio delle acque dell’invaso ligure della Diga del Brugneto, in maggiore quantità rispetto ai 4 milioni di metri cubi già annunciati che, in condizioni di nomalità bastano a garantire la sopravvivenza del fiume Trebbia ma che, data la situazione in essere, non possono considerarsi sufficienti, sottolineando la gravissima condizione in cui versa il reticolo idrografico dell’asta del fiume Trebbia, con conseguente impoverimento delle falde, dei pozzi e delle sorgenti.  

Precisiamo che buona parte dei territori comunali in oggetto risulta interessata della presenza di seconde case che durante la stagione estiva aggravano ulteriormente il fabbisgno idrico.

Facciamo presente che il critico stato di siccità che affligge il nostro territorio sta danneggiando gravemente l’agricoltura e l’allevamento e che la totale mancanza d’acqua nel corso del fiume Trebbia e relativi affluenti porta un enorme danno economico al settore turistico che, data la vocazione del territorio stesso, ha il suo momento di maggiore potenzialità nella stagione estiva.

Certi che vorrete comprendere l’urgenza e lo spirito della nostra richiesta dando seguito tempestivo alla stessa.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.