Quantcast

Africa Mission, partito un container per le missioni in Uganda e Sud Sudan foto

Nel carico questa volta non solo materiale per portare avanti i progetti in Karamoja

Più informazioni su

Venerdì 28 è partito un nuovo container dalla sede di Piacenza di Africa Mission – Cooperazione e Sviluppo di via Martelli.

Nel carico questa volta non solo materiale per portare avanti i progetti in Karamoja del Movimento di don Vittorione, ma soprattutto aiuti volti a sostenere e promuovere l’operato di altre realtà missionarie.

«Da anni cerchiamo offrire supporto ad altri enti che, come noi, ogni giorno portano un po’ di speranza ai più bisognosi, grazie al progetto “Case aperte”» ha dichiarato don Maurizio Noberini, presidente di Africa Mission «Nel 2016 siamo riusciti a inviare più di 54.000 kg di aiuti, e speriamo di riuscire nell’impresa anche quest’anno».

Tra i beneficiari delle nuove attrezzature alcune realtà locali attive nel sociale come ad esempio quella dell’associazione “Good Samaritan” di Gulu, regione nel nord ovest dell’Uganda, oggi guidata dalla amica del Movimento di don Vittorione, Suor Giovanna Calabria, che da anni sostiene le donne della zona con particolare attenzione a quelle affette da AIDS.

Ci sono poi materiali destinati alle Diocesi di Moroto e Kotido, due realtà della chiesa locale da sempre impegnate non solo nella evangelizzazione ma anche nel sostegno allo sviluppo della regione del Karamoja, e dove opera Roberto Gandolfi, il piacentino arrivato nella regione circa trent’anni fa insieme a don Vittorione e che oggi continua ad essere presente come laico Comboniano.

Enti missionari e realtà ugandesi quindi, ma non solo: gli aiuti, infatti, verranno destinati anche all’ospedale di Nzara, in Sud Sudan (stato del Western Equatoria), per continuare a garantire il sostegno all’importante opera portata avanti dalle suore comboniane oggi guidate da Suor Laura Gemignani. L’ospedale è uno dei pochi centri che, in un paese segnato dalla guerra, garantisce assistenza sanitaria alla gente. Con i suoi 140 posti letto e 70 letti per la pediatria, l’ospedale continua a lavorare senza sosta grazie alla dedizione delle suore comboniane.

L’invio del materiale consolida quindi l’amicizia di lungo corso tra l’ospedale del Sud Sudan e l’associazione di don Vittorio, e segna un nuovo risultato della campagna di raccolta fondi “Riportiamo il sorriso a Nzara” che è stata avviata dalla ONG piacentina già da diversi mesi per coprire le spese di trasporto necessarie a far giungere il materiale fino in Sud Sudan.

Con il container sono state spedite anche alcune biciclette usate raccolte, sistemate e donate dagli amici dell’associazione piacentina VeloLento e tre biciclette nuove donate dalla ditta piacentina

Biondi Pallavera, entrambi gesti significativi che rinnovano la collaborazione con Africa Mission iniziata l’anno scorso insieme all’ultracycler Paola Gianotti e che oggi continua con la promozione del nuovo progetto “La speranza viaggia in bicicletta”, che prevede di finanziare la formazione di 30 meccanici di bicicletta in Karamoja, la donazione di 30 biciclette e 30 kit con materiale per operare le riparazioni.

Questo container rappresenta dunque un aiuto concreto, in grado di raggiungere direttamente le persone più vulnerabili e le realtà essenziali per le comunità locali, così che possano andare avanti aiutando i più bisognosi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.