Quantcast

Emilia quarta fra le regioni più turistiche d’Italia. Ma Piacenza è fanalino di coda

I dati emergono dal Rapporto sul Turismo 2017, curato da UniCredit in collaborazione con Touring Club Italiano, nel quale vengono analizzati i dati e le tendenze del settore turistico sia nel mondo che nel nostro Paese

Più informazioni su

Piacenza fanalino di coda in Regione per presenze turistiche.

I dati emergono dal Rapporto sul Turismo 2017, curato da UniCredit in collaborazione con Touring Club Italiano, nel quale vengono analizzati i dati e le tendenze del settore turistico sia nel mondo che nel nostro Paese, con un’attenzione particolare alle diverse performance regionali.

L’industria turistica italiana vale oltre 70 miliardi di euro (ovvero il 4,2% del Pil) che salgono a 172,8 miliardi di euro (il 10,3% del Pil) se si aggiunge anche tutto l’indotto: in questo contesto l’Emilia Romagna con oltre 36,5 milioni di presenze, è la quarta regione più turistica d’Italia.

Per quando riguarda l’offerta ricettiva, nel 2015 la nostra Regione si è attestata al 4° posto nella classifica delle regioni più turistiche d’Italia, registrando oltre 36,5 milioni di presenze. Ha invece ottenuto il 5° posto per numero di esercizi turistici (9.278) e il 3° posto per numero di letti totali (459.987).

Nel quinquennio 2010-2015 in particolare l’offerta ricettiva dell’Emilia Romagna ha registrato un incremento di letti totali pari al 4,1% (3,8% il dato medio Italia).

Nel dettaglio relativo alla distribuzione dei posti letto regionali per tipologia di struttura ricettiva, nel periodo considerato il 64,9% dei posti letto è stato offerto da alberghi,  il 20% da campeggi e villaggi turistici,  il 5,9% da alloggi in affitto, il 2,8% da case per ferie e il 2,3% da agriturismi.

Per quanto riguarda invece la distribuzione percentuale delle presenze turistiche nelle province emiliane risulta in testa Rimini con il 41,9% del dato complessivo regionale: a seguire vi sono poi Ravenna (17,0%), Forlì-Cesena (13,1%), Bologna (9,0%), Ferrara (8,3%)  Parma (4,6%); Modena (3,3%), Reggio Emilia (1,5%) e Piacenza (1,2%).

Nel Rapporto si evidenziano poi i principali mercati esteri di provenienza che per l’Emilia Romagna nel 2015 sono stati, nell’ordine, la Germania (22,9%), la Francia (9,2%) e la Svizzera (9%).

Inoltre, il settore turistico emiliano genera il 3,6% del valore aggiunto nazionale, dando lavoro a oltre 125.000 addetti (distribuiti fra alloggio e ristorazione) che costituiscono l’8,5% del totale occupati in Italia.

Il Rapporto si apre anche al mondo dei social network, con una sezione dedicata alla percezione dell’ospitalità in Italia.

Sono ormai tantissime le piattaforme che consentono di leggere o rilasciare recensioni su una destinazione turistica o su specifici servizi offerti localmente (dalla ricettività alla ristorazione). Curata dalla società Travel Appeal,  l’analisi di oltre 6 milioni e 700mila recensioni presenti sui portali Tripadvisor, Booking.com ed Expedia nel periodo gennaio-dicembre 2016 permette di comprendere i punti di forza e le criticità dell’offerta ricettiva e, più in generale, la soddisfazione degli ospiti che soggiornano nelle strutture italiane.

Le Regioni d’Italia più recensite nel 2016 rispecchiano quindi in generale le destinazioni nelle quali arrivano più turisti; in questa speciale classifica l’Emilia Romagna si piazza al 6° posto (guidano la classifica Lombardia, Veneto, Toscana e Lazio).

A proposito di social, l’Emilia Romagna si piazza al 2° posto nella classifica delle regioni italiane con maggior numero di follower su Twitter: oltre 53mila. In prima posizione  le Marche.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.