PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Movimento partigiano, a Bobbio conferenza sul generale Bellocchio

Sarà inoltre inaugurata la sede della sezione Anpi "Maria Macellari". 

Il palazzo del Municipio di Bobbio (Piacenza), domenica 9 luglio ospita una conferenza pubblica dedicata ad un importante protagonista bobbiese del movimento partigiano in campo nazionale, il generale degli alpini Giuseppe Bellocchio.

Nel corso dell”appuntamento, previsto alle ore 10 del mattino, sarà mostrato l’archivio personale donato al comune di Bobbio, con proiezioni d’immagini relative alla biografia del generale.

La relazione è a cura di Romano Repetti, della presidenza provinciale Anpi, con testimonianza di Agostino Covati, già commissario partigiano, RobertoPasquali, sindaco di Bobbio e il saluto di Giovanni Bellagamba, capogruppo alpini di Bobbio.

Sarà inoltre inaugurata la sede della sezione Anpi “Maria Macellari”. 

Poco noto e poco ricordato dai libri di storia, il generale Bellocchio fu la più alta figura militare all’interno del comando del Comitato di Liberazione Nazionale, che clandestinamente da Milano coordinava il movimento partigiano.

Bellocchio, dopo l’occupazione tedesca dell’Italia e la restaurazione del regime fascista di Salò aveva aderito, alla Resistenza; nel settembre del ’44 fu sostituito dal generale Raffaele Cadorna quale uomo di fiducia del Governo di Roma e degli alleati e nominato Comandante della Piazza di Milano predisponendo fra l’altro il piano per l’insurrezione, il 25 aprile 1945, di quella che era la capitale della Resistenza.

La conferenza organizzata dall’Anpi, spiegano i promotori, intende rendere giustizia a questo aspetto della biografia del generale bobbiese, sottolineando nel contempo la pluralità delle componenti nella lotta partigiana al nazi-fascismo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.