PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nodo Palabanca: il tempo stringe. Lpr si iscrive al campionato

Squadre di basket e volley senza una casa a poche giorni dalle formali iscrizioni relativi campionati, situazione che rischia di precipitare con l’applicazione dei sigilli agli ingressi dell’area

Più informazioni su

Si complica il “nodo Palabanca” per Lpr ad Assigeco.

“Riapriamo i cancelli del PalaBanca” La manifestazione dei “Lupi” FOTO e VIDEO

Dal primo luglio è scaduto il diritto di superficie che la società Dimensione Sport aveva sulla struttura indoor di Le Mose: da sabato quindi il palazzetto è formalmente del Comune di Piacenza, con tutti gli oneri di gestione straordinaria ed ordinaria in capo all’ente di Piazzetta Mercanti.

Squadre di basket e volley senza una casa a poche giorni dalle formali iscrizioni relativi campionati, situazione che rischia di precipitare con l’applicazione dei sigilli agli ingressi dell’area che di fatto sancisce l’inizio della piena proprietà comunale dell’impianto.

Al di là delle dichiarazioni di rito improntate da ambo le parti (tre, considerando Casalpusterlengo) alla massima collaborazione reciproca, la soluzione non è nè facile nè pronta anche considerando che, come precedentemente detto, il tempo per l’ammissione ai campionati è di qualche giorno al massimo.

COMUNE; RISCHIO CATTEDRALE NEL DESERTO – Da una parte vi è il Comune di Piacenza, alle prese con l’ingresso di una nuova amministrazione con la giunta ancora da nominare ed un consiglio ancora da insediare: evidentemente un fase di passaggio di poteri e deleghe che certo non aiuta nell’affrontare una pronta decisione.

Vi è poi da aggiungere come le recenti inchieste all’interno della struttura comunale non abbiano di certo messo tra le priorità di dirigenti ed uffici la questione palazzetto e relativa convenzione scaduta il 30 giugno. Va sottolineato come ad oggi il Palabanca rappresenti per le casse comunali potenzialmente un costo eccessivo con i suoi 300.000 euro annui di costi ordinari, oneri che ad oggi non possono essere minimamente coperti da una struttura rimasta negli anni oggettivamente sotto-utilizzata dalla città sia per eventi sportivi che di altro genere come concerti o convegni.

Vuoi per la posizione periferica o l’eccessiva grandezza per eventi di piccole dimensioni (probabilmente più comoda e meno onerosa la vicina Fiera), oppure una dimensione troppo piccola per manifestazioni di media-grande rilevanza vista la capienza di 4000 posti che preclude concerti e manifestazioni di una certa importanza anche nazionale.

Sta di fatto che il Comune, al di là di come terminerà la trattativa privata con Lpr ed Assigeco, dovrà studiare forme alternative di apertura per scuole, enti, aziende, affinchè vi sia un utilizzo tout-court tale da ammortizzare le spese e per non far ricadere l’onere su due-tre utilizzatori al massimo, evitando di conseguenza il rischio di trasformare il Palabanca in una cattedrale nel deserto abbandonata a se stessa.

LPR-ASSIGECO: POCHE LE ALTERNATIVE – Nel brevissimo periodo sono solo due gli interlocutori possibili: con la Nordmeccanica in pianta stabile a Modena, la Canottieri Ongina in serie B e la Bakery Basket legata al Palanguissola, rimangono solo Molinaroli e Curioni ad essere interessati all’affitto del palazzo.

L’Assigeco, che lo utilizza solo per le partite interne del campionato mentre il resto della settimana si allena al Campus di Codogno, potrebbe in linea teorica riallacciare quei contatti che già lo scorso anno si erano intrattenuti prima del trasferimento a Piacenza; ipotesi che tuttavia, per questioni di tempo e di sponsor, non sarebbe praticabile visto tutto il lavoro già impostato sia a livello di prima squadra che di settore giovanile sulla città emiliana piuttosto che Pavia o Lodi.

Per il volley esiste anche il problema della sede che la Lpr ha all’interno del Palabanca e che l’applicazione dei sigilli ha reso inutilizzabile; vi è poi il rischio di un eventuale trasferimento in altra città: difficile pensare che Parma, Cremona , Pavia, Brescia o Lodi, possano ospitare la squadra di Piacenza vuoi per la tradizione che ormai lega la Lpr a Piacenza e vuoi anche perché buona parte degli sponsor sono comunque legati al nostro territorio.

Una soluzione potrebbe essere l’utilizzo del Palanguissola (ora in gestione al Bakery Basket) da parte della squadra di volley per gli allenamenti ed utilizzare il Palabanca solo per le partite ufficiali. Ciò comporterebbe un minor costo annuo di affitto per la squadra, ma il Comune si troverebbe sempre con un impianto sotto utilizzato senza riuscire a coprirne i costi.  

Improponibile anche pensare ad un trasferimento definitivo al palazzetto di Largo Anguissola, utilizzato nei primi anni 2000 dal volley, in quanto la capienza attuale di poco superiore alle 2000 unità è al di sotto delle 3mila persone (derogabili a 2500) previste dai minimi di Lega.

La soluzione tra le parti è quasi un obbligo: c’e’ chi propone una proroga per qualche mese della convenzione scaduta per permettere alle squadre di completare le relative iscrizioni, ma vi è anche chi reclama un trattamento di par-condicio con gli altri impianti comunali dati in uso alle società sportive, in primis lo Stadio Garilli per il quale il Piacenza Calcio ha rinnovato la convenzione scaduta pur in presenza di elevati costi sia fissi che variabili.

Giancarlo Tagliaferri

LPR, PRESENTATA LA DOMANDA DI ISCRIZIONE AL CAMPIONATO – E’ scaduto oggi il termine per la presentazione dei documenti di ammissione ai Campionati di SuperLega e Serie A2 UnipolSai 2017/2018.

La Commissione Ammissione Campionati della Lega Pallavolo Serie A ha già iniziato l’esame della modulistica prodotta dai Club aventi diritto: il 10 luglio la stessa Commissione terminerà i lavori e consegnerà alla FIPAV e al Consiglio di Amministrazione della Lega Pallavolo l’elenco delle formazioni partecipanti al 73° Campionato.

In SuperLega, 14 Club aventi diritto hanno presentato documentazione. Non ha richiesto l’iscrizione la Nuova Pallavolo Molfetta.

In Serie A2 sono 22 le domande presentate: tra le aventi diritto, ha rinunciato la Pallavolo Saronno, mentre la FIPAV ha preannunciato la partecipazione del proprio Club Italia.

Hanno presentato richiesta d’iscrizione al Campionato di SuperLega 2017/18:
New Mater Castellana Grotte (BA)
A.S. Volley Lube Civitanova (MC)
Top Volley Latina
Powervolley Milano 2.0
Modena Volley Punto Zero
Vero Volley Monza
Pallavolo Padova
Sir Safety Umbria Volley Perugia
Biancorosso Volley Piacenza
GS Porto Robur Costa Ravenna
Argos Volley Sora (FR)
Trentino Volley (TN)
BluVolley Verona
Callipo Sport Vibo Valentia
 
Hanno presentato richiesta d’iscrizione al Campionato di Serie A2 2017/18:
Pallavolo Azzurra Alessano (LE)
Volleyball Aversa (CE)
Olimpia Pallavolo Bergamo
Alto Adige Volley Sudtirol Bolzano (richiesta acquisto titolo da Polisportiva Modena Est)
Atlantide Pallavolo Brescia
Libertas Brianza Cantù (CO)
Matervolley Castellana Grotte (BA)
Volley Misterbianco Catania
Junior Volley Civita Castellana (VT)
New Real Volley Gioia del Colle (BA)
M&G Scuola Pallavolo Grottazzolina (FM)
Polisportiva Rinascita Lagonegro (PZ)
Pallavolo Massa
VBC Mondovì (CN)
Impavida Pallavolo Ortona (CH)
Volley Potentino Potenza Picena (MC)
Volley Tricolore Reggio Emilia
Lupi Santa Croce (PI)
Emma Villas Vitt Chiusi Siena
Marconi Volley Spoleto (PG)
Pag Volley Taviano (LE) (richiesta acquisto titolo da Canottieri Ongina Volley)
Polisportiva Tuscania (VT)
 
Club Italia (preannunciata iscrizione dalla FIPAV)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.