PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Piacenza nel cuore e il dialetto in musica torna in piazza LE FOTO foto

La ventiduesima edizione della manifestazione musicale condotta da Marilena Massarini ha riportato alla ribalta le canzoni in dialetto davanti a un folto pubblico 

Successo per “Piacenza nel Cuore”, la Rassegna della Canzone Dialettale denominata “Sant’Antonino con parole e musiche della nostra terra”, appuntamento immancabile della serata del 4 luglio a Piacenza.  

La ventiduesima edizione della manifestazione musicale condotta da Marilena Massarini ha riportato alla ribalta le canzoni in dialetto davanti a un folto pubblico (nelle FOTO).

Sul palco si sono alternati alcuni tra i più amati interpreti nostrani, sia per chi è “arius” e viene da fuori, ma vuole scoprire l’anima di questa città.

Il repertorio proposto ha svariato dai motivi dei più amati compositori locali, frutto di un’accurata ricerca storica, a canzoni scritte recentemente da autori contemporanei.

IL VIDEO


Marilena Massarini ha cantato “Sereneda a Piaseinsa” di Umberto Lamberti, per poi interpretare “Piaseinza at vöi bein” di Egidio Carella, breve, ma sentita composizione nella quale il profilo di Piacenza, dür e gentil, è descritto con la dolcezza di una canzone d’amore.

La serata ha visto il ritorno di Daniele Trinciavelli, cantautore che ha presentato due brani inediti “Piaseinza” su una poesia di Faustini che esprime l’amore profondo per la nostra città e “La Fera ‘d Sant’Antunei”.

Non poteva mancare Mauro Sbuttoni con le sonorità blues grazie ai brani da lui composti ed inseriti nell’ultimo cd intitolati “Un bel regal” e “La Teresa”.

Presente anche il trio canoro “I Rundan ‘d Piaseinsa” composto da Maristella Zarantonello, Elena e Lucia Carmagnola, con il tradizionale “Scussalein russ” di Carella e Testori, “La Mè Sigulleina” poesia scritta da Egidio Carella e musicata dal maestro Italo Bariola che racconta il cambiamento fisico di una moglie con il passare del tempo, descrivendo la trasformazione da siguleina a bavaron.

Anche i “Ragasein dal Pont da l’Oli”, gli scolari delle classi quinte A e B della scuola primaria di Ponte dell’Olio, sotto la guida della prof. Barbara Pilla sono stati protagonisti della serata dedicando al pubblico “Tal digh in Piasintein” la popolare e celebre canzone scritta dal compianto Gianni Levoni. e “Forse che si forse che no” interpretata insieme a Davide Cignatta dei Cani della Biscia.

Per la prima volta si è esibita Claudia Cassinari cantante e autrice piacentina, da ben 26 anni a Bruxelles e vincitrice del Festival della canzone italiana in Belgio 2017 con il brano da lei composto intitolato “Vola”.

Il maestro Bruno Morsia è stato il coordinatore musicale della rassegna che con la sua chitarra sarà il filo conduttore musicale dell’intera manifestazione.

La serata è stata organizzata da Marilena Massarini grazie alla collaborazione del Comune di Piacenza e con il sostegno della Banca di Piacenza e della Cantina Valtidone di Borgonovo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.