Quantcast

Steriltom apre la campagna del pomodoro: “Qualità del prodotto alta”

L’amministratore delegato Squeri: «Buono anche il grado brix. Prevista la trasformazione di 200mila tonnellate. Grazie agli agricoltori che, nonostante la siccità, hanno salvato i campi e le piante»

Più informazioni su

I primi camion sono affluiti due giorni fa.

Campagna del pomodoro al via con il consorzio Casalasco

E’ cominciata così la campagna di trasformazione di Steriltom: l’azienda piacentina dovrebbe trasformare circa 200mila tonnellate di pomodoro da industria, il 70% del quale destinato all’export e il 30% diretto al mercato domestico, soprattutto nell’horeca e nel food service.

E le prime analisi sul pomodoro della Pianura Padana fanno emergere una qualità piuttosto alta.

Steriltom è stata una delle prime aziende a inaugurare la campagna nel Nord Italia, dove si produce la metà del pomodoro italiano. La OI del pomodoro da
industria del Nord, di cui Steriltom fa parte, prevede una produzione di 2,4 milioni di tonnellate. Nei prossimi giorni dovrebbero cominciare le imprese
del parmense e quelle lombarde.

Quest’anno, per il pomodoro, è stato un annus horribilis a causa della crisi idrica, che perdura tuttora. «Nonostante la siccità – spiega Dario Squeri, ad di Steriltom – e lo stress idrico di cui hanno sofferto campi e piante il prodotto, seppure di piccole dimensioni, è di buona qualità». Il grado brix del pomodoro riporta valori buoni «ma variabili in base all’irrigazione che ha avuto il pomodoro. E’ vero che tanto sole fa aumentare il brix, ma è altrettanto vero che se non c’è acqua la pianta non riesce a portare a maturazione il frutto».

Steriltom, dopo il grande successo dello scorso anno (3.000 tonnellate prodotte e tutte vendute nel Nord Europa), ha aperto una nuova linea bio perché cominciano ad esserci primi riscontri di vendite anche in Italia.

L’anticipo della campagna porterà a un anticipo della chiusura che, secondo Squeri, sarà intorno alla metà di settembre con la raccolta del pomodoro
tardivo. Ma l’ad piacentino vuole anche ricordare l’importante ruolo dei produttori: «Anche quest’anno, nonostante la difficile situazione climatica, va riconosciuta la grande professionalità degli agricoltori piacentini che ha fatto sì che ci sia ancora un pomodoro di alta qualità e sano. Il clima secco, infatti, ha mantenuto una certa salubrità nei campi facendo venire meno alcune piante infestanti e contenendo certe malattie. Di conseguenza, si è ridotto l’uso di prodotti chimici per la difesa».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.