Ambiente, Foti (Fdi-An): “Riformare o abolire Atersir”

Ad affermarlo è Tommaso Foti (Fdi-An) in un’interrogazione rivolta alla Giunta regionale, dove propone anche l’eventuale “abolizione” dell’agenzia e di “riservare contestualmente a organismi locali compiti di programmazione e decisionali negli ambiti di competenza

Più informazioni su

Serve una “profonda riforma di Atersir”, l’agenzia territoriale dell’Emilia Romagna per i servizi idrici e rifiuti.

Ad affermarlo è Tommaso Foti (Fdi-An) in un’interrogazione rivolta alla Giunta regionale, dove propone anche l’eventuale “abolizione” dell’agenzia e di “riservare contestualmente a organismi locali compiti di programmazione e decisionali negli ambiti di competenza, affidando a una struttura regionale agile e efficiente il solo compito di coordinarne l’azione”. 

Il consigliere, a questo proposito, segnala che anche assessori della città metropolitana di Bologna, come il “pretendente alla segretaria provinciale Luca Rizzo Nervo, sono costretti a riconoscere non solo il fatto che occorrere ‘fare un tagliando sul ruolo del pubblico nelle partecipate’, ma sollecitano anche una ‘profonda ridefinizione del sistema di regolazione e controllo’, oggi affidato ad Atersir”.

“In più occasioni, si è assistito – rileva Foti – a una vera e propria inefficienza operativa di questa agenzia, pensata evidentemente per far fronte a situazioni profondamente diverse e il cui ruolo, a legislazione vigente e funzioni assegnate, appare del tutto superato, quando non esaurito”.

 
                                                                                                                                                                                                                                                                         Ufficio Stampa Fd’I-AN – Regione Emilia-Romagna

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.