Quantcast

Chi sarà la sorpresa? Sfida tra Carrarese e Pro domenica

E’ sfida per chi vuole ritagliarsi un profilo di sorpresa iniziale del campionato quella tra Carrarese e Pro Piacenza, entrambi vincenti all’esordio

Più informazioni su

E’ sfida per chi vuole ritagliarsi un profilo di sorpresa iniziale del campionato quella tra Carrarese e Pro Piacenza.

Entrambe vincenti all’esordio, le due formazioni vanno alla ricerca nello scontro diretto dei tre punti per cercare di issarsi a punteggio pieno dopo due giornate di campionato.

Allo Stadio dei Marmi va in scena una sfida che, nel febbraio scorso, consacrò uno dei migliori Pro Piacenza della stagione vincente con un netto 3-0 grazie alle prodezze balistiche di Pesenti e Pugliese che costarono la panchina a Danesi sostituito da Firicano.

Da allora tante cose sono cambiate soprattutto in casa apuana con una dirigenza totalmente nuova di zecca che vede a capo l’ex portiere Gianluca Berti come direttore generale e Franco Oppicelli come Presidente; proprio Berti ha scelto un suo ex-allenatore come trainer: l’istrionico ed irrequieto Silvio Baldini, dopo quattro anni di inattività a seguito di una carriere tutta sviluppata tra A e B, ha scelto di rimettersi in gioco proprio sotto casa (lui è di Massa) con un contratto del tutto particolare che non prevede compensi, ma solo una penale di 500.000 euro in caso di esonero.

Completamente rivoluzionato l’assetto dei toscani che schierano un offensivo 4-3-3: in attacco sono arrivati Tavano dall’Empoli, Coralli dalla Reggina e soprattutto Biasci dalla Massese, giocatore seguito anche dal Piacenza ed in grado nella scorsa stagione di siglare 26 reti tra i dilettanti; novità anche a centrocampo dove è rimasto il solo Rosaia, mentre sono arrivati Piscopo dal Genoa, il giovane figlio d’arte Tentoni dall’Atalanta, Cardoselli dalla Lazio e l’esperto Marchionni (ex Parma, Piacenza, Juventus e Fiorentina).

In difesa come guarda-pali al posto di Lagomarsini (in panchina) c’è Moschin della Pro Vercelli (via Siena), mentre nei quattro di difesa sono schierabili Cason (giovanili Atalanta), Possenti (Reggina), il brasiliano Cazè dall’Akragas, con l’unica conferma del centrale Benedini rispetto allo scorso campionato con l’ex Napoli Contini prima ingaggiato e poi “tagliato” a poche ore dal debutto ufficiale.

La Carrarese arriva allo scontro con il Pro da imbattuta in impegni ufficiali e sull’onda emotiva della buona vittoria di Cuneo (rete decisiva di Tentoni), che ha risvegliato l’entusiasmo della piazza (erano ben 200 i tifosi in trasferta in Piemonte) che sogna un campionato con obiettivi diversi rispetto alla salvezza.

Buono anche il pre-campionato con una qualificazione in Coppa Italia sfiorata con il pareggio di Monza ed il 2-2 interno sempre con il Cuneo.

Giancarlo Tagliaferri

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.